Cecità corticale : una rara condizione neurologica

La cecità corticale è una malattia oculare che deriva da una compromissione della corteccia visiva, quell'area del cervello deputata a ricevere ed elaborare le immagini catturate dagli occhi sotto forma di impulsi elettrici dandogli un senso e consentendoci quella che, a tutti gli effetti, definiamo vision

Se la corteccia visiva risulta danneggiata e non riesce a svolgere questa elaborazione, il paziente non è più in grado di vedere le immagini catturate dagli occhi, nonostante questi non abbiano riportato nessun danno.

La cecità corticale è una condizione estremamente rara abitualmente causata da trauma o da altre patologie, come tumori dell'area occipitale o infarti.

Cos'è la cecità corticale e quali sono le cause ?

La cecità corticale interessa l'area visiva primaria.

Viene infatti provocata da un'ischemia del lobo occipitale, deputato a ricevere ed elaborare la visione, che determina non solo la compromissione della capacità visiva, ma spesso anche la perdita di consapevolezza della mancata visione.

Il paziente, pertanto, non solo non riesce più a vedere, ma non è consapevole di non vedere, motivo per cui risponde agli stimoli esterni che continua a ricevere (per esempio le voci) convinto di vedere, mentre a funzionare è un altro senso ( nel nostro esempio, l'udito).

Alla base della cecità corticale, come abbiamo detto, spesso c'è un ictus ischemico o emorragico del circolo posteriore del cervello, provocato in alcuni casi da un trauma esterno.

A cause de la cecità corticale, inoltre, possono anche essere infezioni o l'assunzione di tossine come il monossido di carbonio. Dans ogni caso, je dérange cerebrovascolari del circolo posteriore sono tra le plus gravi manifestazioni neurologiche e hanno una prognosi mediamente peggiore deiturbi cerebrovascolari del circolo anteriore.

Cecità corticale : come distinguerla dalle allucinazioni

Abbiamo avuto un raro esempio di questa condizione a giugno 2022, quando un pugile del campionato WBF africano, Simiso Buthelezi, poi deceduto, è stato protagonista di a scena impressionante, mai vista in precedenza in un incontro di pugilato.

Il pugile, probablement à cause d'un épisode de cecità corticale, all'interno di un match ha iniziato a ingaggiare colpi in un punto del ring dove non si trovava nessun avversario, rispondendo, probabilmente, ai comandi vocali dell'arbitro e immaginando di vedere davanti a sé un avversario che, invece, non c'era.

È stato ipotizzato che si trattasse di un episodio allucinatorio, tuttavia chi ha le allucinazioni in genere si volta per guardarsi attorno, spostando l'attenzione in più direzioni.

Ma questo non appare nel video dell'incontro che è stato diffuso.

Si osserva invece un comportamento del pugile monomorfo e una direzionalità lineare, come se immaginasse di avere l'avversario di fronte a sé, pur in assenza della conferma visiva.

Tutti elementi, questi, che fanno propendere per un episodio di cecità corticale.

Pour en savoir plus:

Emergency Live ancora più…live: scarica la nuova app gratuita del tuo giornale pour iOS e Android

Blefaroptosi: conosciamo l'abbassamento palpebrale

Cos'è e come si misura la pressione oculare

Ustioni oculari : cosa sono, come trattarle

Il tessuto che non c'è : il coloboma, un raro difetto dell'occhio che compromette il visus del bambino

Idratazione : fondamentale anche per gli occhi

Est-ce que c'est l'aberrometrie ? Alla scoperta delle aberrazioni dell'occhio

Occhi rossi : quali possono essere le cause dell'iperemia congiuntivale ?

Ectopia lentis : quand il cristallino dell'occhio si sposta

Fonte dell'articolo:

Humanitas

Vous aimerez aussi