Afghanistan, le sfide estreme raccontate dagli infermieri

Gli infermieri racontano il dramma dell'Afghanistan. Nell'ultimo mese, l'International Council of Nurses (ICN) è stato in contatto con l'Afghanistan Nurses Association (ANA) in un momento in cui il Paese sta affrontando un periodo di forte incertezza e gravi preoccupazioni che colpiscono gli infermieri e il système sanitaire

La scorsa settimana, il CEO dell'ICN Howard Catton a vu l'opportunité de parler directement avec un groupe de leader infermieristici afgani tramite una videochiamata.

Je signe. Catton ha trasmesso ancora una volta messaggi di solidarietà e sostegno dal presidente dell'ICN Annette Kennedy e dal consiglio dell'ICN. Il messaggio chiaro del Presidente dell'ICN è stato che in Afghanistan, come ovunque nel mondo, tutti gli infermieri, uomini e donne, devono essere protetti dalla violenza e dalla discriminazione e liberi di lavorare in un ambiente sicuro, come partie dei laumani .

E' important per gli infermieri en Afghanistan sapere che gli infermieri di tutto il mondo stanno pensando a loro

Volevano condividere le loro esperienze recenti e raccontare le loro storie che mostrano come gli infermieri, en particulier le infermiere, siano colpiti durante questa situazione incredibilmente difficile.

Le infermiere hanno detto a Catton che l'alto livello di incertezza sotto il nuovo regime talebano sta aggiungendo ulteriore souligne un sistema sanitario già sotto pressione; uno che sta lottando per affrontare il COVID-19 ei gravi disagi causati dai recenti eventi.

Durante l'apice della pandemia, la mancanza di infermieri formati, specialmente nelle unità di terapia intensiva, dove molti infermieri non avevano competitionnze tecniche avanzate, ha esacerbato le gravi sfide che stanno affrontando.

I leader infermieristici afgani hanno espresso i loro timori che il ritiro degli aiuti internazionali nelle ultime settimane stia già colpendo le parti più povere del Paese, con segnalazioni di alcune comunità che affrontano carenze sia di cibo che di medicinali.

Hanno riferito che anche nella capitale, Kaboul, ci sono aumenti dei prezzi dei farmaci nelle farmacie private mentre i finanziamenti internazionali si esauriscono.

Hanno aggiunto che 2.000 strutture sanitarie in tutto il paese, che sono state aiutate dalla Banca mondiale e da altri finanziatori internazionali, sono in pericolo se il finanziamento si interrompe, con un impatto catastrofico sul paese e lasciando operatori.

Alcune infermiere hanno già lasciato l'Afghanistan dopo che i talebani hanno preso il controllo del paese, aumentando la fuga di cervelli e la pressione sulle infermiere rimaste.

L'ANA ha chiesto che i paesi che ricevono questi infermieri li sostengano e li incorporino nei loro sistemi sanitari.

Hanno sottolineato che la maggior parte degli infermieri che rimangono en Afghanistan, en particulier le infermiere, affrontano preoccupazioni sul fatto che avranno un lavoro in futuro o riceveranno i loro stipendi

Una delle infermiere ha detto : « Dal momento che il governance afghano è crollato, viviamo nell'incertezza, non sappiamo cosa accadrà domani, non sappiamo cosa accadrà nella prossima ora ».

Hanno affermato che sebbene fosse positivo che i talebani avessero annunciato il loro Governoro, creando un certo grado di stabilità, era preoccupante che non avessero annunciato il nuovo ministro della sanità pubblica e che nessuna nella donna definiche de coinvoltone da politique.

Dans un paese in cui solo il 10-20% degli infermieri sono donne, si teme che alle donne vengano annule l'opportunité d'istruzione e che vengano costrette a lasciare il lavoro.

Una delle infermiere alla chiamata ha dichiarato : « Abbiamo circa 20.000 infermieri in Afghanistan, di cui environ 5.000 lavorano per ospedali governance e il resto in organizzazioni private.

Ma molti sono disoccupati e, en Afghanistan, ci sono poche opportunità di istruzione superiore per gli infermieri.

È difficile per gli infermieri diplomati ottenere la laurea, e per quelli laureati ottenere il master.

L'infermiere affrontano une situation particolarmente difficile con la mancanza di opportunità che può essere aggravata dagli eventi recenti ».

Sebbene il gouverne talebano abbia affermato che le lavoratrici sanitarie sono libere di andare a lavorare, i rappresentanti dell'ANA hanno detto a Catton che la situazione non era chiara e le prouve degli ospedali suggeriscono che alcuni pazienti non accettano infermiere. Hanno riferito che un gruppo di pazienti in un ospedale aveva detto alle infermiere che non avrebbero dovuto lavorare.

In un altro caso, le infermiere sono fuggite da un'unità di urgence perché avevano paura dopo che soldati armati erano entrati nei reparti di un ospedale, spaventando i pazienti.

Uno sviluppo molto positivo è stato che l'Afghanistan Nurses and Midwifery Council (ANMC) sta ancora riuscendo a registrare più infermieri

Il stabilise obiettivi chiari e lavorando duramente per mantenere funzionante il sistema di registrazione infermieristica.

Il CEO dell'ICN ha affermato che sia l'ANA che l'ANMC devono essere lodati per lo sviluppo di strategie che affrontano le questioni chiave che devono affrontare la professione, compreso l'accesso all'istruzione, lo sviluppo delle capacitazione e la standardizze del servizio infermieristico.

Je dirige infermieristici hanno chiesto il sostegno continuo dell'ICN alla difesa dei diritti, del genere, dello sviluppo professionale e dell'istruzione, nonché della leadership.

Hanno esortato la comunità infermieristica internazionale a continuare a sostenere con forza ea mostrare il proprio sostegno all'istruzione di livello superiore en Afghanistan, compresi la laurea, il master ei dottorati.

Je dirige infermieristici afgani all'appello hanno esortato l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) a intervenire con programmi di formazione online di istruzione superiore per colmare il divario all'interno del paese e fornire borse di studio infermieristiche.

Hanno anche chiesto alle organizzazioni globali di invitare gli infermieri afgani a partecipare a conferenze infermieristiche internazionali per migliorare il livello di assistenza infermieristica nel paese.

Je signe. Catton ha risposto assicurando ai leader infermieristici che l'ICN si assicurerà che gli infermieri afgani possano partecipare al prossimo Congresso virtuale dell'ICN a novembre, in modo che possano rivolgersi direttamente agli altri partecipanti lee con che possano rivolgersi direttamente agli altri partecipanti lee con e con orodividers.

Ha aggiunto che l'ICN est en contact avec l'OMS et continueà un lavorare attraverso agenzie internazionali per sosteere la professione en Afghanistan.

Infine, je signe. Catton ha ringraziato gli infermieri della chiamata, che hanno sottolineato il valore di mantenere una stretta comunicazione con l'ANA e hanno offerto il supporto continuo di tutta la famiglia dell'ICN in questo momento compleso e incerto.

Pour en savoir plus:

Afghanistan / Cpar, Siaarti e iWin : « Impegno su salute, diritti e tutela delle donne »

Rocca (Croce Rossa) : « En Afghanistan i talebani ci lasciano lavorare »

Fonte dell'articolo:

ICN

Vous aimerez aussi