Diagnosticare rapidamente e trattare la causa di un ictus: le linee guida dell'American Heart Association/American Stroke Association

Identificare la causa di un ictus o un mini-ictus entro 48 ore potrebbe aiutare a individuare il trattamento per aiutare a prevenire ulteriori ictus, affermano le nuove linee guida

Le raccomandazioni dell'American Heart Association/American Stroke Association, pubblicate sulla rivista Stroke, sono un aggiornamento delle linee guida pubblicate nel 2014.

L'AHA pubblica regolarmente linee guida basate sulla scienza che forniscono le migliori pratiche per gli operatori sanitari per prevenire la causa e curare le malattie hearthe e ictus

Avere un primo ictus o un attacco ischemico transitorio, chiamato anche TIA o mini-ictus, aumenta le possibilità di una persona di avere ulteriori ictus.

Le nuove linee guida richiedono test diagnostici entro 48 ore dall'insorgenza dei sintomi dell'ictus, in modo che un trattamento individualizzato possa aiutare a prevenire un secondo ictus.

« È di fondamentale importanza comprendere i modi migliori per prevenire un altro ictus una volta che qualcuno ha avuto un ictus o un TIA », ha affermato in un comunicato stampa la dott.ssa Dawn Kleindorfer, presidente del gruppo di scrittura delle linee guida.

Kleindorfer est professeur et président du département de neurologie de la faculté de médecine de l'Université du Michigan et d'Ann Arbor.

« Se possiamo individuare la causa del primo ictus o TIA, possiamo personalizzare le strategie per prevenire un secondo ictus »

Gli ictus ischemici rappresentano l'87% degli ictus negli Stati Uniti.

Si verificano quando le arterie si bloccano con coaguli di sangue o placca, impedendo al sangue di fluire al cervello.

Ciò può causare invalidità grave o morte.

Je bloque che si verificano solo per un breve periodo di tempo causano TIA, che non portano a lesioni cerebrali permanenti.

La ricerca mostra che i progressi nella prevenzione dell'ictus hanno ridotto i tassi di recidiva dell'ictus, dall'8,7% negli anni '60 al 5% negli anni 2000.

Tuttavia, tra le persone che sopravvivono ai primi ictus, molti fattori di rischio di ictus rimangono mal gestiti.

Le nuove raccomandazioni includono una guida su come trattare gli ictus in base alla causa

Tali cause potrebbero includere blocchi nelle grandi arterie del collo o del cervello; danno alle piccole arterie nel cervello da ipertensione o diabete; e ritmi hearti irregolari.

Le linee guida raccomandano alle persone che hanno avuto un primo ictus di gestire con attenzione i loro fattori di rischio vascolare, come ipertensione, diabete di tipo 2, livelli di colesterolo e trigliceridi.

Incoraggiano anche a non fumare, limitare il sale e seguire una dieta mediterranea, ricca di frutta, verdura, cereali intégrali, olio d'oliva, fagioli, noci e semi e quantità da basse a modere di latticini, uova, pesce e pollame.

Per le persone in grado di svolgere attività fisica, le linee guida richiedono un'attività aerobica di intensità moderata per almeno 10 minuti quattro volte a settimana o un'attività aerobica di intensità vigorosa per almeno 20 minuti due volte a settimana.

« In effetti, circa l'80% degli ictus può essere prevenuto controllando la pressione sanguigna, seguendo una dieta sana, praticando una regolare attività fisica, non fumare e mantenendo un peso sano », Dr. Amytis Towfighi, vice-présidente del gruppo delle di scriti linee guida , ha detto nel rilascio.

Towfighi est directeur des services neurologiques presso il Dipartimento dei servizi sanitari della contea di Los Angeles.

L'aggiornamento raccomanda inoltre di utilizzare une team multidisciplinare per personalizzare i piani di trattamento che incorporino i desideri, gli obiettivi e le preoccupazioni del paziente; dépistage per la fibrillazione atriale, un tipo di ritmo hearto irregolare; prescrivere farmaci per prevenire la formazione di coaguli di sangue a tutti i sopravvissuti a un ictus, a meno che non ci sia un motivo specifico per non farlo; e liberare le arterie bloccate nel collo mediante chirurgia o stent.

Per le persone i cui ictus sono stati causati da un grave restringimento delle arterie che portano al cervello, le linee guida richiedono una gestione medica aggressiva dei fattori di rischio di ictus e l'uso a breve termine dell'aspirina in combinazione con un al farm par prevenire la coagulazione.

Le persone i cui ictus sono stati causati da un difetto hearto abbastanza comune chiamato forame ovale pervio potrebbero aver bisogno di un intervento chirurgico minore per prevenire un secondo ictus.

Pour en savoir plus:

Ictus, l'importanza della telemedicina nelle Stroke Unit degli USA: Ricerca della Harvard Medical School su telestroke

Sindrome metabola legata a un aumento del rischio di recidiva di ictus

Infarto silenzioso: che cos'è l'infarto miocardico silente e cosa comporta?

Fonte dell'articolo:

American Heart Association

Vous aimerez aussi