Romania, contro COVID-19 un robot che uccide il coronavirus con i raggi UV

Romania, nella lotta a COVID-19 un nuovo strumento a disposizione degli operatori sanitari: un robot, chiamato Victor, uccide i microrganismi patogeni, tra cui i coronavirus, utilizzando radiazioni UV-C. Victor sta combattendo la pandemia da COVID-19 in un importante ospedale di Bucarest.

Altri robot come Victor sono in viaggio verso le istituzioni sanitarie locali, mentre il produttore, Modulab, sta aumentando la produzione.

Grazie a un progetto di consulenza sostenuto dalla BERS e dall’Unione Europea, l’assemblaggio dei robot richiede ora solo un giorno rispetto ai quasi 14 giorni precedenti.

COVID-19 in Romania, la progettazione del team Modulab

Il team Modulab sta sperimentando una tecnologia avanzata da oltre 15 anni e più di 60 prototipi unici hanno preso vita nel laboratorio dell’azienda.

Negli ultimi quattro anni, i fratelli Paul e Matei Popescu hanno concentrato la loro creatività tecnologica sulla robotica, sviluppando una vasta gamma di robot industriali e umanoidi.

Inizialmente hanno progettato un robot autonomo per scenari più mondani e industriali – la sua capacità di navigare in ambienti complessi e di evitare ostacoli lo rende perfetto per la pulizia o il trasporto di pezzi di ricambio.

Tuttavia, il 2020 ha dato al robot e ai suoi costruttori un nuovo ed eroico scopo nella vita.

“Sapevamo di dover agire in fretta”, dice Ioana Calen-Popescu, comproprietaria e CEO di Modulab.

“Il mondo si stava dirigendo verso una crisi come non l’avevamo mai vista prima, e avevamo un’arma segreta che poteva fare la differenza, letteralmente, tra la vita e la morte”.

Quando la pandemia di coronavirus ha “rapito” il mondo a marzo, Modulab ha riprogettato il robot e ne ha accelerato lo sviluppo per dare agli ospedali in Romania un’arma contro il virus di cui c’è grande bisogno.

Aggiungendo potenti lampade a raggi ultravioletti C alla piattaforma robotica, l’azienda ha creato un dispositivo in grado di disinfettare un’area di 20 m2 in circa 10 minuti, compresi i vestiti e le attrezzature – tutto ciò che la luce ultravioletta può raggiungere.

Grazie all’autonomia di 5 ore e alla funzione di controllo a distanza, il robot ha il vantaggio di potersi muovere senza coinvolgere il personale ospedaliero, proteggendo così la vita umana.

Emergenza COVID-19, in Romania agisce la robotica: l’esperienza di Victor all’ospedale di Bucarest

Il primo robot dell’ospedale universitario di Bucarest è stato chiamato Victor, dal nome del batteriologo rumeno Victor Babes, uno dei fondatori della microbiologia moderna.

Un’importante banca locale ha acquistato Victor da Modulab a costi di produzione e lo ha donato all’ospedale. Presto altri robot arriveranno negli ospedali di tutto il Paese e non solo, ma anche in edifici per uffici, alberghi e altri stabilimenti che hanno bisogno di aiuto per combattere il coronavirus.

Con il sostegno dell’Unione Europea nell’ambito di Orizzonte 2020, Modulab può ora essere coinvolto più velocemente e meglio nella lotta contro la pandemia.

La BERS ha aiutato l’azienda a lavorare con un consulente rumeno, Advanced Thinking, per ottimizzare le operazioni, standardizzare i processi e scalare la produzione.

Alla fine del progetto di consulenza, l’azienda ha ottenuto un’impressionante riduzione dei tempi di assemblaggio dei robot.

Anche l’area di produzione è stata ridotta da 1.000 m2 a 105 m2, dopo aver ottimizzato lo spazio, le attrezzature e le fasi di assemblaggio.

“Quando si lavora in R&S, è molto difficile standardizzare i processi”, dice Ioana Calen-Popescu.

“Siamo un team orientato alla tecnologia e allo stile libero, quindi questo progetto era esattamente ciò di cui avevamo bisogno per organizzarci in un momento così cruciale”.

Il coronavirus è ancora una minaccia globale, ma il nostro robot ha ricevuto il marchio CE, e ora dobbiamo snellire la produzione per soddisfare la crescente domanda in tutto il mondo”.

Questo è solo il primo passo nel percorso di scale-up di Modulab.

L’azienda e la BERS mirano a costruire la loro collaborazione di successo con un secondo progetto di consulenza e qualsiasi altra opportunità che una partnership a lungo termine può portare.

Per approfondire:

Read the english article

Robot chirurgo per curare le patologie cerebrali? Diamo uno sguardo alla nuova idea di Elon Musk

Taranto, in pediatria arriva Aphel, il social robot: aiuta i piccoli degenti ad affrontare visite e terapie

Fonte dell’articolo:

Press release European Bank for Reconstruction and Development (EBRD)

I commenti sono chiusi.