Stayin’ Alive, la canzone dei Bee Gees aiuta nella rianimazione

La canzone ha un titolo simbolico, ma ha anche il ritmo giusto per avvicinare i cittadini alla rianimazione cardio-polmonare. Secondo la fondazione francese Life Priority che da due anni ha avvicinato gli europei portando in piazza le tecniche di rianimazione polmonare ha spiegato che il modo migliore per insegnare agli allievi il ritmo della rianimazione è quello di far ascoltare la canzone dei Bee Gees, Stayin’ Alive.

La hit che ha infiammato le piste da ballo di tutto il mondo alla fine degli anni ’70, colonna sonora di un altro cult, questa volta cinematografico, La Febbre del Sabato Sera, ha accompagnato l’associazione nella sua opera divulgativa condotta in 12 città di 8 Paesi europei, formando 25mila persone. La formazione intensiva dura 15 minuti e si svolge con l’assistenza di medici specializzati che in una apposita struttura composta da due tendoni spiegano alle persone interessate come comportarsi nei momenti di emergenza.

I commenti sono chiusi.