Federginnastica, senza defibrillatori niente iscrizioni. “La protezione è fondamentale”

Un buon esempio di come bisognerebbe applicare il decreto Balduzzi arriva dalla Federginnastica italiana. La FGI delle splendide Farfalle Azzurre, regine di classe, bellezza e leggiadria nel mondo, capaci di attirare migliaia di giovanissimi fra ragazze e ragazzi nel mondo della ginnastica, dalla prossima stagione farà iscrivere al registro nazionale solo ed esclusivamente quelle società che dimostreranno di avere nei propri impianti dei defibrillatori semiautomatici, che rispettino l’attuale normativa italiana.

Questa scelta federale ci è stata spiegata dal segretario generale Roberto Pentrella, già responsabile dell’area tecnica federale e ginnasta di livello nazionale che ben conosce le necessità e le esigenze di questo mondo.

“La Federazione Ginnastica Italiana si uniforma alla legge – in particolare al Decreto Balduzzi – che indica come termine obbligatorio entro cui dotarsi di DAE il prossimo gennaio (2016 ndr). Oltre alla dotazione inoltre c’è un obbligo di formazione importantissimo. Tutte le società devono essere a posto con i DAE entro il termine fissato. Per questo entro la seconda metà del 2015, quando verranno pubblicate le direttive e i regolamenti per le affiliazioni delle società sportive alla FGI, aggiungeremo che bisognerà rispettare il decreto Balduzzi”. Il rischio per le società che sono ancora senza DAE è quello dell’esclusione  dalla federazione. “C’è poco da fare, abbiamo un termine e c’è stato un periodo di adattamento preciso, che ha differenziato i trattamenti fra le società professionistiche e quelle dilettantistiche. Stiamo affiancando le nostre associazioni e le aiuteremo a muoversi in questo settore. Sia per i defibrillatori che per la formazione, perché non si tratta solo di mettere a norma gli impianti ma anche di creare personale preparato.  Sicuramente inoltre la federazione fornirà alle associazioni una lista di aziende per la fornitura delle apparecchiature e per la formazione, lasciando come sempre autonomia alle società per mettersi in regola con i nostri regolamenti”.

 

[cml_media_alt id='8179']banner3[/cml_media_alt]

Questo articolo è stato realizzato per ZOLL, leader internazionale per lo sviluppo dei dispositivi medicali per l’emergenza, in gradi di salvare vite umane migliorando al tempo stesso l’efficienza clinica e operativa. ZOLL offre una serie completa di soluzioni tecnologiche che aiutano medici e soccorritori a trattare le vittime che necessitano di rianimazione e assistenza.
2 Commenti
  1. […] regionale che è in via di applicazione in tutta Italia e che segue le indicazioni pubblicate nel Decreto Balduzzi.  Si tratta di una normativa – applicata ad oggi in Emilia Romagna, Toscana e Lazio – […]

  2. […] dotazione di defibrillatori nelle scuole cittadine. Sul podio degli esempi positivi finiscono anche Federginnastica e Federmoto. La prima senza DAE non darà l’iscrizione federale, la seconda invece non […]

I commenti sono chiusi.