Il nuovo AW 609 dell’italiana AgustaWestland da una nuova forma all’elisoccorso

Uno strumento di lavoro versatile ed affidabile, capace di dare una nuova dimensione al soccorso aereo: il nuovo AW609 AgustaWestland Finmeccanica è definito tecnicamente un convertiplano, capace di variare l’inclinazione dei rotori da verticale a orizzontale, sommando le prestazioni di un aeroplano alla maneggevolezza e al decollo verticale di un elicottero. 8mila metri di altezza la quota massima raggiungibile, e una velocità d1 510 km/h, il doppio di un normale elicottero, l’AW609, tuttavia, può rimanere immobile a mezz’aria, per effettuare un recupero con il verricello, per esempio, o per permettere a un team di soccorso elitrasportato di scendere a terra anche in zone impervie, compreso l’ambito urbano.

Il nuovo convertiplano AgustaWestland permette di ridurre i tempi di intervento, allargando il raggio d’azione operativo rispetto a un elicottero tradizionale. Visto l’interesse suscitato da questa formidabile macchina volante in Californa all’Heli-Expo, uno degli appuntamenti fieristici internazionali più importanti riguardanti gli elicotteri, c’è da ritenere che presto l’AW609 diventerà una pietra di paragone tra i velivoli di soccorso usati in tutto il mondo e che andrà ad equipaggiare i team di elisoccorso, equipaggiato con diverse configurazioni.

 

I commenti sono chiusi.