Brisighella (RA), cade in montagna: resiste per due giorni e tre giorni, viene ritrovato vivo e soccorso

Brisighella, Ravenna – si erano perse le tracce domenica 25 ottobre nel tardo pomeriggio, di un uomo di 57 anni residente a Ravenna era uscito insieme al suo cane per andare a tartufi sulle alture nei pressi di Fognano, frazione del Comune di Brisighella (RA).

Ha trascorso all’addiaccio due giorni e tre notti.

Tutto è iniziato nel pomeriggio di domenica quando arrivato in un tratto di sentiero molto pendente è scivolato procurandosi un doloroso trauma distorsivo al ginocchio che non le ha più consentito di proseguire.

In zona non c’è copertura telefonica e l’uomo è stato costretto a rimanere a terra.

Ha cercato di urlare ma nessuno lo sentiva, nella speranza che i familiari non vedendolo rientrare dessero l’allarme, cose che hanno fatto.

Insieme a lui è rimasto il suo cane che non lo ha mai abbandonato.

Lui stesso ha raccontato ai soccorritori che si scaldavano a vicenda durante le ore più fredde, aggiungendo che la sua fortuna è stata quella di cadere vicino ad un fosso dove c’era dell’acqua e ha potuto dissetarsi.

Come noto le ricerche sono iniziate subito la sera stessa di domenica.

Disperso sui monti di Brisighella, attivati Soccorso Alpino, Vigili del Fuoco, Guardia di Finanza e Protezione Civile

Il campo base era a Fognano e tutta la zona è stata bonificata inizialmente dai VVF poi nel tardo pomeriggio di Lunedì 26 la Prefettura di Ravenna, che aveva già attivato il piano di ricerca, ha allertato anche il Soccorso Alpino e Speleologico stazione Monte Falco che ha inviato del personale nella serata di lunedì.

Il giorno dopo il CNSAS attiva anche il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, stazione dell’Abetone, che ha mandato del proprio personale sia nella giornata di martedì che per quella di oggi mercoledì.

Ha partecipato alla ricerche anche la Protezione Civile con unità cinofile.

Fortunatamente oggi intorno alle 13.45 un cacciatore è passato in quella zona e ha sentito qualcuno lamentarsi.

Accorso ha trovato la persona a terra insieme al suo fedele amico.

Non essendoci linea telefonica è risalito fino ad una casa dove ha chiamato il 118.

Sul posto si sono recati: la squadra del Soccorso Alpino e Speleologico, stazione Monte Falco, il Soccorso Alpino della Guardia di Finanza, i VVF e i Carabinieri.

Il punto del ritrovamento è stato nei boschi di Modigliana.

Giunta sul posto la squadra del Soccorso Alpino con l’infermiere, ha richiesto l’attivazione dell’elicottero 118 di Pavullo nel Frignano dotato di verricello con a bordo un tecnico di elisoccorso del CNSAS.

Arrivato sul posto il personale dell’elisoccorso è stato sbarcato con il verricello in quanto la zona non è atterrabile.

Dopo rivalutazione da parte del medico l’uomo è stato recuperato con il verricello e trasportato in elicottero all’ospedale di Ravenna

Per approfondire:

Valle d’Aosta, elicottero precipita a 3mila metri. Soccorso Alpino recupera occupanti: un morto ed un ferito grave

Fonte dell’articolo:

Pagina Facebook CNSAS Emilia-Romagna

I commenti sono chiusi.