Val Travenanzes, valanga travolge sciatore: il corpo ritrovato sepolto dalla neve

Veneto, valanga travolge sciatore. È stato rinvenuto sotto 80 centimetri di neve il corpo senza vita dello sciatore altoatesino travolto questa mattina da una valanga sopra la Val Travenanzes in Veneto, in provincia di Belluno.

L’uomo cinquantenne, originario di Badia (provincia di Bolzano), era partito assieme a due amici da Capanna Alpina.

I tre avevano risalito il Valon de Campestrin, erano arrivati in cima al Monte Cavallo e Casale e volevano scendere verso la Val Travenanzes.

Poco sotto la cima, dalle prime informazioni, i due compagni sono scesi uno alla volta e, quando è stato il suo turno, lo sciatore è rimasto un poco più alto, ha preso un cumulo di neve ventata ed è caduto prendendo velocità sul distacco, che lo ha trascinato per circa 900 metri nel vallone a fianco di quello da cui avrebbero dovuto scendere.

Valanga travolge sciatore, l’allarme scattato alle 11

Scattato l’allarme passate le 11:00, seguendo le coordinate girate dagli amici che erano arrivati a metà valanga, bloccati però da salti di roccia, l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore ha raggiunto la slavina, si è portato alla fine e ha iniziato a risalire dal basso la superficie in ricognizione.

Poco dopo l’Artva dell’eliambulanza ha captato il segnale dello scialpinista.

Sbarcati nelle vicinanze, tecnico di elisoccorso e unità cinofila del Soccorso Alpino e Speleologico Veneto – CNSAS hanno completato la ricerca e individuato il punto in cui si trovava, iniziando il sondaggio e la successiva estrazione dalla neve, mentre l’elicottero andava a imbarcare due soccorritori di Cortina e due dei Carabinieri.

Sbarcato anche il personale medico, non è rimasto che constatare il decesso dell’uomo.

L’elicottero ha caricato a bordo in hovering i due compagni per trasportarli a valle, per poi provvedere al recupero della salma.

Attrezzatura e soccorritori sono stati riportati alla base dall’elicottero dell’Air service center che collabora con il Soccorso Alpino delle Dolomiti bellunesi.

Per approfondire:

Sardegna, arrampicatore infortunato: intervento del Soccorso Alpino e Speleologico Sardegna – CNSAS concluso a notte fondamentale

Monte Caio, riprenderanno stamane le ricerche del 52enne scialpinista disperso: CNSAS programma interventi

Fonte dell’articolo:

Comunicato CNSAS – Soccorso Alpino e Speleologico

I commenti sono chiusi.