7 febbraio 2013: la notte degli infortuni nel NBA

Quella dello scorso 7 febbraio verrà forse ricordata come la notte degli infortuni nel NBA. Non è la prima volta, che giocando un gran numero di partite in contemporanea nel Nba si verifichino fatti analoghi, ma il bollettino in tempo reale del 7 febbraio 2013 è stata davvero, per così dire, di ‘guerra’. Degli infortuni in contemporanea, colpisce la grande rilevanza dei giocatori coinvolti, un po’ come una maledizione volta a eliminare le pedine più importanti di alcune squadre dello spettacolare mondo del basket made in Usa.

Chauncey Billups . Il più grave infortunio della notte, si parla di stagione purtroppo conclusa anzi tempo. Il giocatore dei Clippers è caduto male nel match contro Orlando, teme la rottura del tendine d’Achille . il giocatore è atterrato male sul piede sinistro cercando di recuperare un pallone a 5’48″ dalla fine dei tempi regolamentari.

Danilo Gallinari. Il nostro giocatore più rappresentativo del Nba, il talento indiscusso di Sant’Angelo Lodigiano ha anch’egli subito un infortunio quella notte non del tutto irrilevante. Danilo Gallinari nel match contro Houston, si è girato la caviglia sinistra sul piede del rookie Chandler Parsons nel terzo periodo della partita; i primi esami hanno evidenziato una piccola scheggiatura dell’osso.

Carmelo Anthony, stella dei Kincks, ha giocato solamente 5 minuti della sfida contro Utah Jazz per uno stiramento all’inguine.

Derrick Rose dei Bulls, ha invece dovuto lasciare la partita contro i Nets per i soliti problemi alla schiena che da un po’ di tempo a questa parte non gli lasciano vivere una stagione tranquilla.

I commenti sono chiusi.