Afghanistan, muore soccorritore in mezzo ad un combattimento

Un autista soccorritore di Emergency è stato ucciso ieri in uno scontro a fuoco avvenuto a Kapisa, nel distretto di Tagab. L’uomo, Hamza Khan, è stato raggiunto da alcuni proiettili mentre trasportava feriti gravi nel centro di primo soccorso di Emergency a Tagab. I feriti vengono portati nel centro chirurgico dell’associazione umanitaria perché sarebbe impossibile curare tutte le persone colpite dalla prosecuzione di questa guerra nei luoghi dove avvengono i combattimenti. “Hamza lavorava con Emergency da dodici anni – ha spiegato Cecilia Strada – siamo vicini alla sua famiglia in questo momento drammatico”.

Nonostante si parli poco del conflitto afghano, i centri sanitari di Emergency continunano a lavorare a pieno ritmo per salvare vite umane colpite dagli effetti della guerra civile che divampa nel paese. “A luglio, nel centro chirurgico di Kabul abbiamo ricoverato 326 pazienti per ferite da guerra e 604 persone sono passate dal nostro pronto soccorso. Il 20% dei feriti ha meno di 14 anni. E’ il numero più alto di ricoveri in un solo mese e in un solo ospedale dall’inizio delle nostre attività in Afghanistan nel 1999”.

I commenti sono chiusi.