Alex Zanardi, 5 ore di operazione per la ricostruzione cranio-facciale: utilizzate "tecnologie digitali ad hoc per il paziente"

Nuova operazione per Alex Zanardi. L’atleta bolognese, ricoverato all’ospedale Le Scotte di Siena, è stato sottoposto a un nuovo intervento chirurgico di quasi cinque ore per la ricostruzione cranio-facciale e la stabilizzazione delle zone interessate dal trauma dell’incidente accaduto lo scorso 19 giugno.

ALEX ZANARDI, DOPO L’OPERAZIONE LA TERAPIA INTENSIVA

Al termine dell’intervento condotto dai professionisti della equipe maxillo-facciale e di neurochirurgia, Zanardi è tornato in terapia intensiva, dove resta intubato e sedato, in prognosi riservata.

“Le fratture – spiega Paolo Gennaro, direttore della unità operativa Chirurgia maxillo-facciale di Siena – erano complesse.

Questo ha richiesto un’accurata programmazione che si è avvalsa di tecnologie computerizzate, digitali e tridimensionali, fatte a misura del paziente”.

La complessità del caso, rileva, “era piuttosto singolare, anche se – precisa – si tratta di una tipologia di frattura che nel nostro centro affrontiamo in maniera routinaria”.

Le condizioni di Zanardi rimangono stabili dal punto di vista cardio-respiratorio e metabolico, mentre si mantengono gravi dal punto di vista neurologico.

L’incidente occorso al campione sportivo ha destato viva commozione in tantissimi italiani: attivissimo sul piano delle condizioni di chi è diversamente abile, Alex Zanardi ha perpetuato in questo ambito la simpatia e la stima che hanno accompagnato tutta la sua vita.

Medici di grande valore si stanno spendendo per migliorare le sue condizioni cliniche, a tutti noi non resta che sperare per un felice esito di tanto sforzo.

PER APPROFONDIRE:

ALEX ZANARDI PRESENTA OBIETTIVO3

INCIDENTE DURANTE OBIETTIVO3: ZANARDI GRAVISSIMO

INCIDENTE AD ALEX ZANARDI, PARLA IL NEUROCHIRURGO CHE L’HA OPERATO

ZANARDI, LA TERZA NOTTE IN TERAPIA INTENSIVA

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.