Alluvione dell’Enza, strade chiuse e sfollati fra Parma e Reggio Emilia

Si è riunito stanotte il Centro di Coordinamento dei Soccorsi nella Prefettura di Parma, e ha deliberato un allarme rosso, scala 3, il massimo grado di allarme previsto per il sistema regionale di allertamento. L’allarme riguarda i fiumi Enza, Taro, Parma e Baganza. Attualmente il fiume Enza ha tracimato a Casaltone, fra Sorbolo e Brescello, in provincia di Reggio Emilia. Sfollati ci sono a Casalbaroncolo, a Casaltone e nelle aree golenali fra Parma e Reggio Emilia. Ha fatto molta paura anche il fiume Taro che è passato questa mattina a San Secondo con un colmo di piena di 14.80 metri, un record storico per il fiume del parmense.


Le abbondanti piogge cadute nei giorni scorsi hanno realizzato ciò che molti temevano, ovvero una nuova emergenza alluvione che ha però visto estremamente pronti e attivi sia i volontari del soccorso che i servizi preposti per il controllo dell’emergenza. Inoltre il fatto che le piogge siano state più diffuse rispetto a tre anni fa, ha garantito un’allertamento più costante e definito.

PREPARA IL TUO ZAINO DI EMERGENZA: COSA DEVE CONTENERE?

WhatsApp Image 2017-12-12 at 09.04.02I 30 centri operativi comunali del territorio, su 45 comuni della Provincia di Parma, sono stati attivati e sono ancora in funzione. A Parma sono stati predisposte attività di controllo delle arginature vulnerabili, in particolar modo quelle del Baganza. Alcune famiglie sono state fatte allontanare dalle proprie abitazioni nelle aree dove le opere di difesa spondale non sono ancora state completate.

L’allerta è attiva ancora a Colorno dove è tracimato il torrente Galasso, e dove il colmo di piena del torrente Parma non è ancora arrivato. Il corso d’acqua che attraversa il paese però è estremamente innalzato e tutte le formazioni di Protezione Civile del territorio sono in azione.

Il fiume Enza invece è quello che – secondo i dati AIPO ha dato il maggior numero di problemi. Il livello massimo storico è stato superato e le arginature non sono bastate a Lentigione, zona che ospita diversi impianti industriali di importanza nazionale, come gli stabilimenti Immergas. Il transito di ponti e strade è sconsigliato e la piena è attesa alle ore 9. C’è criticità sulla tenuta strutturale del ponte di Sorbolo, chiuso alla circolazione dall’11 dicembre. Anche Casaltone è stato evacuato. L’unico passaggio sull’Enza, al momento, è il ponte autostradale dell’A1 fra i caselli di Terre di Canossa e Parma Centro.

GUARDA LA PARMA CHE TRACIMA A COLORNO

E’ raccomanta la massima prudenza a tutti gli abitanti, non bisogna mai avvicinarsi ai corsi d’acqua maggiore e vanno seguite le indicazioni delle autorità locali.

 

A tal proposito un’ordinanza sindacale ha deciso di sovralzare l’argine del torrente Baganza in corrispondenza della ditta Pinazzi e conseguentemente disponendo l’evacuazione delle abitazioni in area golenale.

Analogamente si è intervenuto sul torrente Parma in corrispondenza del Ponte di Castelnuovo per avvertire e porre in sicurezza gli abitanti delle abitazioni adiacenti. Di “piena molto importante tuttora in corso” parla la prefettura in un bolletino diffuso martedì mattina.

La presenza della cassa di laminazione sul torrente Parma consente di mantenere sotto controlla la piena del torrente.

I commenti sono chiusi.