Cianosi

Definizione

La cianosi è uno stato di colorazione bluastro della pelle e delle mucose, dovuta o alla presenza nel sangue di più di 5 g/100ml di emoglobina ridotta o di composti anomali emoglobinici come la metaemoglobina o la solfoemoglobina. Normalmente la concentrazione di emoglobina ridotta nel sangue venoso è di 3 g/100ml, e varia con aumenti o diminuzioni della concentrazione di emoglobina totale. Esistono due tipi di cianosi, quella centrale e quella periferica; si parla di cianosi centrale, quando un problema polmonare o cardiaco porta a un’insufficiente saturazione dell’ossigeno nel sangue; si parla invece di cianosi periferica, quando problemi circolatori causano una stasi di sangue nel tessuti periferici, facendo aumentare l’estrazione di ossigeno. Inoltre esiste la cianosi congenita, che è invece presente sin dalla nascita come nei casi di trasposizione congenita dei grossi vasi in cui l’aorta origina dal ventricolo destro. Una cianosi tardiva è dovuta a una cardiopatia congenita ma che compare tardivamente, anche a distanza di anni

Cause

Le cause possono essere derivate da diverse malattie di tipo polmonare o cardiaco, che provocano un abbassamento dei livelli di ossigeno nel sangue, aumento di emoglobina totale, deficit di ossigenazione centrale e rallentamento del circolo periferico con conseguente aumento dell’estrazione di ossigeno dall’Hb da parte dei tessuti.

Diagnosi

Per determinarne la causa è necessario effettuare radiografie del torace, test ematici, test di funzionalità respiratoria e polmonare.

Fonti

www.wikipedia.org

I commenti sono chiusi.