Coronavirus, Rocca (Croce Rossa): “Sono preoccupato, per gli italiani rimozione collettiva. COVID-19 c’è ancora”

Coronavirus, Francesco Rocca interviene sul tema. “Il virus c’è ancora”, ammonisce il presidente, ricordando la necessità di mascherine, lavaggio frequente delle mani e distanziamento fisico

 

DIFFUSIONE DEL CORONAVIRUS, FRANCESCO ROCCA PREOCCUPATO

“Sono preoccupato”. Il presidente della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca, ha esternato il suo stato d’animo rispetto all’abbassamento della soglia di attenzione degli italiani verso il Covid-19, al termine di un evento in cui Croce Rossa ha presentato una “mascherina intelligente” (di cui narreremo a parte, ndr) nata dalla collaborazione con l’azienda AccYouRate.

“Vanno rispettate le tre regole base: l’utilizzo della mascherina, il lavaggio frequente delle mani e il distanziamento sociale.

Non devono venire meno in questo momento”, ha detto Rocca, secondo il quale il popolo italiano “sta vivendo una rimozione collettiva rispetto al dolore e alla tragedia vissuti tra marzo e aprile.

Può accadere, ma è mio dovere e di chi ha delle responsabilità istituzionali ricordare l’importanza del proteggersi perché il virus non è scomparso“.

CORONAVIRUS NEL MONDO, LA CROCE ROSSA INTERNAZIONALE MEZZA LUNA ROSSA E LE EMERGENZE NEL PIANETA

E’ palese come il presidente Francesco Rocca, che ricopre ruolo analogo anche in seno alla Federazione internazionale, abbia un quadro più completo, e per l’appunto “globale”, della situazione.

Sarebbe quindi saggio ascoltarne con attenzione le indicazioni.

PER APPROFONDIRE:

L’ABBRACCIO DEI VOLONTARI AL PROPRIO PRESIDENTE: LA CROCE ROSSA INTERVISTA FRANCESCO ROCCA

INTERVISTA A FRANCESCO ROCCA: NEL COVID HO TOCCATO CON MANO LA MIA FRAGILITA’

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.