COVID-19 e gravidanza, dall'Università della Pennsylvania un nuovo studio su 1.471 donne e neonati

COVID-19 e gravidanza, una correlazione guardata con il giusto grado di attenzione fin dall’insorgere della pandemia

Ebbene, dagli Stati Uniti un ulteriore studio dai risultati piuttosto rassicuranti.

COVID-19 e gravidanza, lo studio dell’Università della Pennsylvania

Gli anticorpi al coronavirus SARS-CoV-2 nel sangue delle donne incinte, infatti, sembrano attraversare la placenta in modo efficiente e sono stati trovati in concentrazioni simili nel sangue dei loro neonati, secondo un vasto studio dei ricercatori della Perelman School of Medicine dell’Università della Pennsylvania.

I risultati, riportati JAMA Pediatrics, suggeriscono che le madri che hanno avuto COVID-19, o esposizione asintomatica al coronavirus, possono, attraverso questo trasferimento di anticorpi, fornire una certa protezione contro il virus ai loro neonati.

Gli autori ipotizzano che questo possa avere implicazioni per i vaccini COVID-19.

Lo studio su 1.471 donne in gravidanza e positive a COVID-19

I ricercatori hanno testato campioni di sangue di 1.471 donne e dei loro neonati per la presenza di anticorpi contro la SARS-CoV-2, e hanno osservato che 83 delle donne avevano livelli significativi di anticorpi specifici per la SARS-CoV-2.

La stragrande maggioranza (87%) dei neonati di queste donne aveva anche livelli significativi di anticorpi specifici alla SARS-CoV-2 in campioni di sangue del cordone ombelicale prelevati alla nascita. Lo studio non ha trovato alcuna prova che gli anticorpi fossero dovuti all’infezione fetale, indicando che è probabile che gli anticorpi abbiano attraversato la placenta dal sangue della madre alla circolazione fetale.

Il trasferimento di anticorpi COVID-19 in gravidanza “sembra essere abbastanza efficiente”

“Questo trasferimento sembra essere abbastanza efficiente”, ha detto l’autore co-senior dello studio Karen Puopolo, MD, PhD, un neonatologo al Children’s Hospital di Philadelphia, un professore associato di pediatria presso l’Università della Pennsylvania Perelman School of Medicine e capo della sezione di medicina neonatale all’ospedale Pennsylvania.

“In alcuni casi, la concentrazione di anticorpi SARS-CoV-2 nel sangue del neonato era addirittura superiore a quella della madre”.

“In generale, i nostri risultati sono coerenti con ciò che sappiamo sul trasferimento inter-placentare di anticorpi ad altri virus, e dovrebbero contribuire alla discussione su se e quando vaccinare le donne incinte contro la SARS-CoV-2”, ha detto il co-autore senior Scott Hensley, PhD, professore associato di Microbiologia alla Penn Medicine e membro del Penn Institute for Immunology.

Studi precedenti, più piccoli, hanno anche trovato prove che gli anticorpi materni possono attraversare la placenta fino al flusso sanguigno del feto (link in coda all’articolo).

Tuttavia, la dinamica e l’efficienza di questo trasferimento sono stati poco chiari.

Puopolo e Hensley e i loro colleghi hanno utilizzato un kit di analisi del sangue precedentemente convalidato per verificare la presenza di anticorpi specifici per la SARS-CoV-2 in campioni di siero di sangue raccolti al momento del parto durante un periodo di quattro mesi da aprile ad agosto dello scorso anno al Pennsylvania Hospital di Philadelphia.

Lo studio ha riguardato in tutto 1.471 coppie di campioni madre-bambino.

Il ruolo delle immunoglobuline nella protezione del feto:

Circa il 6% delle donne, 83 in tutto, ha mostrato livelli significativi di anticorpi SARS-CoV-2 sui test. Dei loro 83 neonati, 72 (87%) hanno anche mostrato livelli significativi di anticorpi SARS-CoV-2.

I ricercatori hanno scoperto che la classe più comune di anticorpi nel sangue, nota come anticorpi immunoglobuline G (IgG), sembra trasferirsi facilmente dal sangue della madre attraverso la placenta.

I livelli di IgG anti-SARS-CoV-2 rilevati nei neonati hanno seguito da vicino i livelli nelle loro madri.

Tuttavia, una classe di anticorpi più grandi, noti come anticorpi IgM, che tendono ad essere prodotti prima in un’infezione e non sono noti per attraversare la placenta, non sono stati rilevati in nessun campione di sangue del cordone ombelicale.

Poiché i bambini hanno una certa capacità di produrre i propri anticorpi IgM, l’assenza di questi anticorpi ha anche suggerito che lo stesso virus SARS-CoV-2 non aveva attraversato la placenta e li aveva infettati.

Tra le madri che avevano anticorpi anti-SARS-CoV-2 ma i loro bambini no, 5 avevano solo anticorpi IgM, che non avrebbero dovuto attraversare la placenta.

Gli altri 6 avevano bassi livelli di anticorpi IgG. I vaccini COVID-19 sono generalmente progettati per suscitare alti livelli di anticorpi IgG contro il virus.

Il trasporto di anticorpi IgG attraverso la placenta è noto per verificarsi soprattutto nel terzo trimestre di gravidanza, e come più tempo passa, più anticorpi attraversano.

Gli scienziati sanno anche che un’infezione con un nuovo virus può richiedere tempo per suscitare una risposta anticorpale significativa.

I risultati di Hensley, Puopolo e dei loro colleghi erano coerenti con questi modelli noti: il trasferimento placentare era maggiore quanto più lungo era il tempo trascorso tra l’infezione materna COVID-19 e il parto.

Altri co-autori dello studio sono stati co-first authors Dustin Flannery e Sigrid Gouma; e Miren Dhudasia, Sagori Mukhopadhyay, Madeline Pfeifer, Emily Woodford, Jourdan Triebwasser, Jeffrey Gerber, Jeffrey Morris, Madison Weirick, Christopher McAllister, Marcus Bolton, Claudia Arevalo, Elizabeth Anderson, e Eileen Goodwin.

Il finanziamento è stato fornito dal Children’s Hospital of Philadelphia Foerderer Grant for Excellence e dal sostegno filantropico della stella dei Philadelphia 76ers Joel Embiid e dei soci amministratori Josh Harris e David Blitzer, e del proprietario dei Philadelphia Eagles Jeffrey Lurie.

Per approfondire su COVID-19 e gravidanza:

Leggi l’articolo in lingua inglese

Salute materno-infantile, in Nigeria una donna ogni ventidue perde la vita durante la gravidanza o per l’evento parto

COVID-19, da Harvard Medical School tre studi sulla protezione della placenta durante la gravidanza

Servizi sanitari e assistenza alla gravidanza nel Regno Unito

Fonte:

Sito ufficiale Università della Pennsylvania Perelman School of Medicine

I commenti sono chiusi.