COVID-19 in Asia, la pronta risposta del sistema sanitario della Malesia. L'intervista con il dottor Azhar Merican

La Malesia è stata uno dei paesi del sud-est asiatico che ha più velocemente approntato una risposta alla pandemia da coronavirus COVID-19.

 

COVID-19, LA RISPOSTA ALLA PANDEMIA ATTUATA DALLA MALESIA

Durante un’intervista con il coordinatore ospedaliero del Ministero della Salute malese e il presidente della St John Ambulance Malaysia a Kuala Lumpur, abbiamo potuto comprendere meglio la forza di questo Paese e i risultati positivi nella lotta al coronavirus.

I nostri telegiornali sono pieni di dati e statistiche riguardanti la diffusione del virus in altre nazioni del mondo, ma il termine “stranieri”, in realtà non significa molto: a fare la differenza è quanto fatto praticamente dai singoli sistemi sanitari per impedire sul proprio territorio la diffusione del coronavirus.

Alcuni giorni fa abbiamo avuto il piacere di fare una video-intervista al dottor Azhar Merican, amministratore ufficiale dell’ospedale del Ministero della Salute in Malesia e presidente del St John Ambulance Malaysia a Kuala Lumpur.

Ha toccato quindi con mano la potenza di una pandemia che ha messo in ginocchio alcune parti del mondo e messo in grande difficoltà la stessa Malaysia.

 

COVID-19 IN MALESIA, L’INTERVISTA AL DOTTOR AZHAR MERICAN

 

La pandemia COVID-19 in Malesia: quando è iniziata ufficialmente la pandemia nel Paese?

“Il primo caso di paziente COVID-19 in Malesia è stato segnalato il 25 gennaio 2020.

Il paziente era uno dei tre cittadini cinesi di Wuhan che sono entrati in Malesia attraverso Singapore.

Successivamente, abbiamo avuto un numero occasionale di casi.

Ma poi sono aumentati a metà febbraio quando abbiamo avuto incontri religiosi di massa tra il 27 e i primi giorni di marzo in alcune aree nel sud di Kuala Lumpur.

In quelle settimane la Malesia ha registrato il maggior numero di casi COVID-19 nel sud-est asiatico.

Tuttavia, abbiamo avuto una buona risposta della sanità pubblica fornito dal Ministero della Salute della Malesia. I numeri sono rimasti controllati e sono diminuiti di mese in mese “.

Come ha fatto a capire che il primo caso di COVID-19 in Malesia era davvero affetto da coronavirus?

“Quando abbiamo denunciato i casi di cittadini di Wuhan ci sono state comunicazioni diplomatiche tra Cina e Malesia e anche con altri Paesi confinanti, come Singapore.

Si è quindi verificato un flusso continuo di comunicazioni così anche a dicembre il ministro della Salute è stato allertato di questi casi.

Abbiamo iniziato a monitorare i punti di ingresso e attualmente lo stiamo facendo.

È stato attraverso queste comunicazioni che ci siamo resi conto che questi casi stavano arrivando in Malesia attraverso i confini. ”

Quali sono stati i principali problemi che i servizi di ambulanza, in particolare, l’ambulanza di San Giovanni hanno dovuto affrontare in Malesia e a Kuala Lumpur negli ultimi mesi?

“La St John Ambulance Malaysia a Kuala Lumpur ha fornito un servizio di ambulanza di emergenza gratuito 24 ore su 24, che è attivo da 22 anni.

Per questa risposta pandemica, ha ricevuto le congratulazioni dal Ministero della Salute in Malesia per l’ottimo lavoro svolto.

L’alto numero di casi e le chiamate d’emergenza furono molti e il governo decise di includere la St John Ambulance Malaysia tra le agenzie della risposta al sistema di assistenza preospedaliera per supportare gli ospedali pubblici, specialmente nella valle di Klang.

Qui in particolare, il sistema centrale di emergenza 9-9-9 è inizialmente supportato da tre agenzie principali: la St John Ambulance di Kuala Lumpur, la Mezza Luna Rossa malese, che ha il proprio servizio di ambulanza, e la Protezione civile locale.

Questi forniscono il servizio preospedaliero al Ministero della Salute della Malesia.

Per St John Ambulance, uno dei servizi principali è l’addestramento, dall’altro lato, quando la pandemia di COVID-19 ha colpito la Malesia, il Ministero della Salute della Malesia ha istituito il Movement Control Order (MCO).

Quando è stato istituito l’Ordine di controllo del movimento, i movimenti tra i membri del pubblico erano molto limitati, specialmente nel traffico stradale.

Abbiamo ridotto il più possibile le occasioni di contagio e di chiamate.

Quindi il numero di chiamate è stato molto basso da quando la situazione è stata monitorata (abbiamo ridotto a 61 chiamate in un mese).

St John Ambulance ha anche supportato il Ministero della Salute in altri servizi di assistenza preospedaliera, come il trasferimento dei pazienti da un ospedale all’altro.

Lo scopo era di riorganizzare le nostre funzioni ospedaliere in base alle quali alcuni grandi ospedali avevano il compito di gestire e curare pazienti con COVID-19 e sospetti pazienti con coronavirus positivi, mentre altri ospedali mantenevano a livello nazionale pazienti non COVID da trattare.

I nostri team di servizi di ambulanza erano giù per le strade di Kuala Lumpur per consegnare i pazienti in un ospedale o in un altro al fine di assistere al meglio il Ministero della Salute della Malesia nei suoi sforzi per contenere la diffusione “.

Kuala Lumpur è una delle città più trafficate del sud-est asiatico che ha subito un blocco impressionante. Quali sono stati i problemi causati da questa serratura?

“Il già citato Ordine di Controllo del Movimento imponeva alle persone di restare a casa.

Quindi un problema che abbiamo incontrato è che i donatori di sangue non sono potuti venire negli ospedali o nei centri sanguigni per donare.

La situazione del COVID-19 prevedeva che le sacche di sangue fossero pronte per le trasfusioni.

Ancora una volta la St John Ambulance ha trovato volontari per organizzare squadre di ambulanze e aiutare i centri nazionali del sangue a raccogliere sangue.

Per fare questo, abbiamo coinvolto i centri commerciali perché hanno ampi spazi e potremmo evitare di assemblare e mantenere le distanze sociali.

Le donazioni di sangue potrebbero essere messe in atto e le ambulanze avrebbero quindi consegnato sacche di sangue alle strutture sanitarie e agli ospedali in tutte le aree.

Abbiamo registrato una buona risposta; molti centri commerciali hanno accettato di farci usare i loro spazi. In tre giorni siamo riusciti a raccogliere un totale di 3.772 sacche di sangue per rifornire i centri sanguigni nazionali. ”

C’è qualche caso particolare di COVID-19 in Malesia che hai dovuto trattare e che ha rivelato una svolta per ulteriori ricerche e trattamenti?

“Avevamo membri delle mie squadre di ambulanze che, il 7 aprile, hanno risposto con l’ambulanza a un paziente che ha richiesto assistenza medica da casa sua.

Era malato e lo abbiamo consegnato in ospedale.

Non appena l’equipaggio tornò alla base, ricevettero una chiamata dal dipartimento di emergenza di quell’ospedale che riferiva che il paziente che il mio equipaggio aveva appena ricevuto era sospettato di infezione da COVID-19.

Ciò ha causato il panico nel nostro dipartimento di servizio di ambulanza.

Quello che ho fatto è stato chiedere la quarantena dei due primi soccorritori che sono entrati in contatto con quel paziente.

Quindi, il centro del servizio di ambulanza ha deciso di entrare in auto-quarantena preventiva fino a quando non avessimo ottenuto i risultati dei test dall’ospedale.

Quando ci hanno contattato di nuovo, il giorno dopo, il paziente è risultato negativo al COVID-19.

Per quasi due giorni abbiamo dovuto interrompere il nostro servizio di ambulanza principale ed è stato un grande problema per le persone bisognose e anche per noi, ma necessario. ”

 

Risposta pandemica COVID-19 in Malesia: quali sono stati i tuoi sentimenti durante quei mesi difficili?

“Beh, personalmente è stato abbastanza preoccupante.

Dato che sono un medico, ero molto arrabbiato per quello che stava accadendo in tutto il paese sia dal punto di vista medico che sociale.

Nell’ambito preospedaliero, era spaventoso e preoccupante.

Ho dovuto partire molto presto la mattina e tornare molto tardi la sera fino a quando i miei figli sono andati a letto.

Non è stato facile tornare a casa, aprendo la porta con la paura di infettare la mia famiglia.

Allo stesso tempo, ero preoccupato per il mio staff, la mia squadra di ambulanze.

Ricordo sempre ai membri delle squadre di St John Ambulance di indossare maschere e di mantenere sempre la giusta distanza sociale.

Lo sforzo più duro è stato quello di imporre ai cittadini di indossare i DPI, in qualsiasi momento, ma in particolare, evitare di riutilizzarli.

È stato molto impegnativo. ”

In molti paesi del mondo, i servizi di ambulanza e gli ospedali hanno esaurito i DPI. Come hai risolto la situazione della mancanza di PEE?

“Era molto simile in Malesia. Immagino che, quando il governo ha annunciato l’attivazione dell’ordine di controllo del movimento, la gente ha iniziato a provare panico.

Mancavano non solo i DPI, ma anche la mancanza di generi alimentari come latte, olio e così via.

Così i membri del pubblico hanno iniziato a correre nei negozi per fare scorta a casa.

Tornando ai DPI, il Ministero della Salute in Malesia ha iniziato a distribuire le sue scorte di DPI e potrebbe anche gestire correttamente la situazione con la donazione di maschere, guanti e così via da parte di corpi, associazioni e individui.

Per quanto riguarda la St John Ambulance, abbiamo iniziato con i DPI fai da te, come maschere facciali e schermi facciali.

Al giorno, i volontari sono riusciti a realizzare 7000 scudi facciali e distribuirli alle strutture sanitarie in tutti i paesi “.

Situazione del COVID-19 in Malesia sia in ambito preospedaliero che ospedaliero: quali sono le tue considerazioni?

“Il numero di casi è relativamente basso in Malesia, al momento. I nostri ospedali hanno ripreso le operazioni, come prima della pandemia.

Gli ospedali pubblici hanno ricominciato a richiamare i pazienti per interventi di chirurgia elettiva e per appuntamenti in clinica.

Per quanto riguarda l’assistenza preospedaliera, dal punto di vista del fronte devono essere sempre osservate precauzioni.

Non sapremo mai se i pazienti che consegniamo sulle nostre ambulanze sono affetti o meno dal COVID-19 o se sono stati esposti al coronavirus. ”

E il futuro, secondo te?

“Credo che i paesi del pianeta e tutte le associazioni coinvolte dovrebbero lavorare insieme su come sconfiggere la pandemia, che è un problema globale.

È molto prezioso che tutte le organizzazioni e tutti i paesi lavorino fianco a fianco per evitare il contagio e per trovare soluzioni, in termini di ricerca, informazione, condivisione e lotta contro questo virus che stiamo affrontando ”.

COVID-19 IN MALESIA, GUARDA LA VIDEO INTERVISTA NELLA VERSIONE INTEGRALE:

PER APPROFONDIRE:

READ THE ENGLISH ARTICLE

The St John Ambulance Service Malaysia official website

I commenti sono chiusi.