foto 02

Foto 02: in questa immagine risalta immediatamente la mancanza del divisorio, che permette di recuperare qualche centimetro in lunghezza a tutto vantaggio del paziente che, anche in caso di altezza superiore alla media, riesce ad entrare senza grosse contorsioni; ed in caso di altezze davvero fuori norma appoggiando il cuscino agli schienali anteriori poteva essere trasportato anche un giocatore di basket. Certo in una posizione non comoda, e contro ogni attuale schema di trasporto ( in caso di traumi , per esempio), ma in quegli anni, con queste macchine, l’importante era solo arrivare il prima possibile in Pronto Soccorso – foto da depliant Boneschi