Ghiaccio in montagna, i consigli per le escusioni del Soccorso Alpino Emilia Romagna (SAER)

IMG-20160123-WA0001Il Soccorso Alpino raccomanda agli escursionisti prudenza ed un’adeguata attrezzatura.

In vista del weekend, che dovrebbe riportare la neve sul nostro Appennino anche fino a quote collinari, i tecnici del Soccorso Alpino della Stazione “Monte Orsaro” di Parma  rendono noto che, durante alcuni sopralluoghi condotti nella giornata di giovedì scorso,  è stata rilevata la presenza di pendii ghiacciati sui monti del parmense e del reggiano. Il fenomeno è dovuto all’azione di fusione e rigelo del manto nevoso preesistente,  unita spesso all’azione del vento che nelle zone di crinale è particolarmente intenso. Il ghiaccio è da considerarsi un’insidia non solo poiché aumenta il rischio di cadute e traumi, ma anche perché –  in caso di nevicate successive –  potrebbe rappresentare uno dei fattori di instabilità del pendio nevoso.

Se non attrezzati adeguatamente, tali condizioni di ghiaccio vivo possono costituire un potenziale pericolo per gli escursionisti; a tal proposito il Soccorso Alpino raccomanda a chiunque abbia intenzione di  frequentare il nostro Appennino nel fine settimana, di munirsi di ramponi e piccozza,  artva pala e sonda ed un abbigliamento adeguato,  informandosi tramite i bollettini nivo-metereologici sulle condizioni della montagna e di non esitare a chiedere ai gestori dei rifugi  e delle strutture turistiche informazioni circa gli itinerari che si intendono percorrere.

 

I commenti sono chiusi.