Guardia Infermieristica nel Chianti, un successo i primi 7 mesi di servizio

Successo nel Chianti per il nuovo servizio socio-sanitario gratuito che mette a disposizione della famiglie del territorio un infermiere esperto operativo la domenica e nei giorni festivi.
A distanza di sette mesi dall’attivazione il servizio della guardia infermieristica dimostra di funzionare con 130 accessi complessivi all’attivo. Molte le famiglie che vi si rivolgono con la richiesta di essere supportare nelle situazioni più complesse, in particolare quelle che riguardano le dimissioni dall’ospedale che sempre più spesso avvengono nei giorni precedenti o in corrispondenza del fine settimana.

“E’ un importante obiettivo raggiunto per il nostro territorio – dichiara l’assessore Giulia Casamonti con delega alle Politiche sociali dell’Unione Comunale del Chianti Fiorentino – e per le criticità relative alle famiglie con anziani e particolari situazioni di fragilità e malattie croniche, un servizio ottenuto nell’ambito del piano di contrattazione che i nostri Comuni stanno da mesi portando avanti con l’Azienda sanitaria locale”.

La presenza dell’infermiere durante i giorni festivi permette di gestire le prese in carico di dimissioni complesse, ad esempio per le terapie infusionali continuative ed il supporto per i familiari, oltre alla risoluzione di criticità che riguardano utenti già in carico.

“La guardia infermieristica – continua l’assessore –  mira a garantire continuità nelle cure tra ospedale e territorio; occorre tener presente che l’infermiere interviene in base a specifiche necessità assistenziali, programmando l’attivazione con il medico di base. La domenica è un momento importante perché abbiamo la possibilità di confrontarci con i familiari, il servizio sta procedendo molto bene, è apprezzato dalle famiglie, effettuiamo anche la valutazione della non autosufficienza, il servizio attivo per i Comuni di Barberino, Greve, Impruneta, San Casciano e Tavarnelle si svolge  attraverso la collaborazione del  medico di base e di continuità assistenziale”
Patrizia Grassi, responsabile dell’Unita Operativa Assistenza infermieristica territoriale zona sud est.

La presenza infermieristica durante i festivi è garantita dalle ore 7 alle ore 13.

“L’infermiere rappresenta una risorsa necessaria e utile ai bisogni socio-sanitari del nostro territorio – aggiunge l’assessore Casamonti – anche in vista dell’integrazione con il medico di continuità assistenziale che potrà attivare al bisogno l’infermiere favorendo la riduzione di ricoveri impropri al pronto soccorso: sono tante le situazioni che potrebbero essere risolte a livello domiciliare evitando così di congestionare le attività del pronto soccorso”.

L’infermiere, reperibile la domenica e nei giorni festivi nei Comuni del Chianti, è attivato dal medico di base o dalla Guardia Medica

I commenti sono chiusi.