Il futuro sarà un vaccino antinfluenzale universale? I ricercatori del Mount Sinai ci stanno lavorando

Un vaccino antinfluenzale che induce risposte immunitarie a un ampio spettro di ceppi e sottotipi di virus influenzali ha prodotto risultati forti e duraturi in studi clinici in fase iniziale nell’uomo, hanno trovato i ricercatori del Mount Sinai.

Il vaccino antinfluenzale universale è stato descritto in uno studio pubblicato oggi sulla rivista Nature Medicine

Questo vaccino chimerico a base di emoagglutinina (HA) ha il potenziale di fornire una protezione a lunga durata con due o tre vaccinazioni, eliminando la necessità di una rivaccinazione.

“Un vaccino contro il virus dell’influenza che si traduce in un’ampia immunità proteggerebbe probabilmente da qualsiasi sottotipo o ceppo di virus influenzale emergente e migliorerebbe significativamente la nostra preparazione alla pandemia, evitando problemi futuri con le pandemie influenzali come quelli che osserviamo ora con COVID-19” afferma Florian Krammer, PhD, professore di microbiologia alla Icahn School of Medicine del Mount Sinai, e autore dello studio.

“Il nostro vaccino chimerico contro l’emoagglutinina è un importante passo avanti rispetto ai vaccini convenzionali che spesso non sono in linea con i ceppi di virus in circolazione, incidendo sulla loro efficacia.

Inoltre, la rivaccinazione annuale degli individui è un’impresa enorme e costosa”.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’influenza stagionale è una delle principali preoccupazioni per la salute pubblica, causando fino a 650.000 morti ogni anno a livello globale.

Inoltre, le pandemie influenzali, simili all’attuale epidemia di COVID-19, si verificano a intervalli irregolari e possono mietere milioni di vittime.

L’esempio più devastante è la pandemia di H1N1 del 1918, che ha causato circa 40 milioni di morti.

I vantaggi di un vaccino antinfluenzale universale rispetto ai vaccini contro l’influenza esistenti

I vaccini contro il virus dell’influenza – la migliore arma preventiva nell’arsenale della sanità pubblica contro l’influenza stagionale – contengono tre o quattro ceppi del virus dell’influenza che rispondono ai virus che circolano nella popolazione umana.

La loro debolezza intrinseca, tuttavia, è che i ceppi del vaccino nelle formulazioni annuali si basano sulla sorveglianza sanitaria globale e sulle previsioni che spesso non sono in sincronia con i ceppi che effettivamente circolano.

La situazione si aggrava nel caso di virus pandemici emergenti, poiché queste epidemie non possono essere previste ed emergono all’improvviso, richiedendo la generazione di vaccini appena abbinati.

Questo processo richiede almeno sei mesi, lasciando ampie porzioni di popolazione vulnerabili.

Il vaccino chimerico HA cerca di correggere questa incertezza prendendo di mira una parte diversa della proteina emagglutinina, la principale glicoproteina di superficie del virus dell’influenza che si lega ai recettori delle cellule ospiti.

I vaccini convenzionali inducono anticorpi neutralizzanti che colpiscono la parte distale dell’emoagglutinina.

“Purtroppo, il virus è in grado di sfuggire alla neutralizzazione mutando questa parte dell’emoagglutinina attraverso un processo noto come deriva antigenica”, spiega Peter Palese, PhD, professore di microbiologia e presidente del Dipartimento di microbiologia presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai, e co-autore dello studio.

“Questo cambiamento genetico, o spostamento, del virus comporta l’immunità solo a specifici ceppi del virus dell’influenza, richiedendo una frequente riformulazione e una nuova somministrazione di vaccini stagionali”.

Il vaccino antinfluenzale diventa universale perché colpisce la parte prossimale della emoaggluttinina

Il nostro vaccino chimerico HA, invece, è diretto alla parte prossimale della proteina HA – il dominio del gambo – che ha dimostrato di neutralizzare ampiamente diversi ceppi del virus influenzale sia nei modelli animali che nell’uomo”.

Un costrutto del vaccino basato sul dominio dello stelo di emoagglutinina è stato uno dei principali obiettivi della comunità di ricerca.

“La parte bella di questo vaccino è che non solo è ampio, ma multifunzionale con anticorpi specifici per lo stelo in grado di neutralizzare molti tipi di virus influenzali”, sottolinea il Dr. Adolfo García-Sastre, Direttore dell’Istituto di Salute Globale e degli Agenti Patogeni Emergenti e Professore di Microbiologia presso la Scuola di Medicina Icahn del Monte Sinai e anche co-autore dello studio.

“Questo vaccino universale potrebbe essere particolarmente vantaggioso per i Paesi a basso e medio reddito che non hanno le risorse o la logistica per vaccinare ogni anno le loro popolazioni contro l’influenza”.

Lo studio clinico di fase 1 del Mount Sinai ha valutato la sicurezza e l’immunogenicità del vaccino in 65 partecipanti negli Stati Uniti, ed è stato trovato per produrre una forte risposta immunitaria che ha resistito per almeno 18 mesi dopo la vaccinazione.

“Questa fase del nostro lavoro clinico fa progredire in modo significativo la nostra comprensione della risposta immunitaria in termini di longevità”, dice il Dr. Krammer, “e ci lascia molto incoraggiati per quanto riguarda i progressi futuri di questo vaccino potenzialmente rivoluzionario”.

La collaborazione tra Mount Sinai, PATH, GSK, la University of Chicago Pritzker School of Medicine, il Children’s Hospital Medical Center di Cincinnati e la Duke University School of Medicine in North Carolina ha contribuito al successo dei test di questo candidato al vaccino.

Lo studio è stato finanziato in parte dalla Bill and Melinda Gates Foundation e dal NIH.

La ricerca di base che ha portato alla progettazione del vaccino è stata inizialmente finanziata dai Centers of Excellence for Influenza Research and Surveillance (CEIRS) del NIAID e l’analisi della risposta immunitaria nelle fasi successive è stata finanziata anche attraverso i Collaborative Influenza Vaccine Innovation Centers (CIVIC) del NIAID.

Per approfondire:

Read The English Article

Sintomi da COVID – 19 e influenza: come distinguerli? Bisogna andare a naso…e a palato

Vaccino Covid-19, nel Regno Unito è il giorno zero: da oggi vaccinazione per anziani, soccorritori e personale sanitario NHS

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale Mount Sinai 

I commenti sono chiusi.