Torino, concorso per infermieri

L’inizio delle assunzioni di nuovi infermieri è considerato in Piemonte quasi un evento. Ma finalmente le possibilità di aumentare la pianta organica del personale indispensabile negli ospedali italiani è una realtà. Il 27 e 28 aprile alla pre-selezione organizzata al Palazzetto di Torino, il Pala Ruffini, arriveranno migliaia di infermieri alla ricerca di un posto di lavoro. Inevitabile dopo quasi dieci anni di speranze: dal 2009 non c’erano più selezioni. L’accordo prevede assunzioni alla Città della Salute, il Mauriziano, l’Asl Unica torinese e anche l’Asl To5 di Moncalieri, Chieri, Carmagnola. Cgil, Cisl Uil e Nursing Up hanno festeggiato alla notizia: “A giugno arriveranno le prime assunzioni: finalmente una boccata d’ossigeno. Un’ottima notizia, stante la grave carenza di personale in cui versano i nostri servizi e reparti”. Si prevede, è una prima stima, che per il primo anno le esigenze possano tradursi in 150 assunzioni. Ogni azienda indicherà il suo piano tenendo conto di programmazione, disponibilità economica e carenza di organico. Dopo la pre-selezione di fine aprile, la prima prova è quella scritta: il 10 maggio. Nei due giorni successivi è in calendario la prova orale. “L’importanza di questa operazione è poter avere una graduatoria nuova dalla quale le aziende possono attingere. Sarà la lista per tutta l’area metropolitana”, dice Gian Paolo Zanetta il direttore generale della Città della Salute che ha fatto da capofila.

Un nuovo concorso è stato bandito anche per assunzioni a tempo indeterminato

I commenti sono chiusi.