Un'auto Tesla con "pilota automatico" si è scontrata con la polizia e ambulanza

Una Tesla ha centrato un’auto della polizia e quindi un’ambulanza. La Tesla aveva attivata la modalità “autopilota”, o pilota automatico, ma il conducente sarebbe stato ubriaco, a detta della polizia.

 

Questo incidente è avvenuto in Arizona, su un’autostrada.

PILOTA AUTOMATICO SI’, MA SE SEI UBRIACO…

Il Dipartimento di pubblica sicurezza dell’Arizona ha twittato che il 23enne guidatore della Tesla ha assicurato loro di aver attivato il pilota automatico.

L’autopilota si sarebbe schiantato contro la polizia e i veicoli delle ambulanze: l’incidente non ha comportato vittime o feriti.

Fortunatamente, l’autista dell’auto della polizia centrata non era all’interno del veicolo al momento dell’incidente.

Similarmente, gli occupanti delle ambulanze non sono rimasti feriti, a detta del dipartimento.

Il guidatore della Tesla è stato ricoverato in ospedale con ferite gravi ma presumibilmente senza lesioni mortali.

Secondo le fonti USA, Tesla non avrebbe risposto immediatamente a una richiesta di commento. Tuttavia, la società ha già fornito assistenza in caso di altri incidenti.

Dopo un fatale incidente nel 2018, che ha coinvolto una Tesla con autopilota a Mountain View, Tesla e il National Transportation Safety Board hanno stilato un rapporto nel quale avrebbe affermato che “l’autopilota può essere utilizzato in sicurezza su strade divise e indivise purché il conducente rimanga attento e pronto a prendere controllo”.

Le indagini per far luce sulla dinamica dei fatti stanno per iniziare.

IL PILOTA AUTOMATICO E’ COSI’ EFFICIENTE?

Abbiamo già scritto su questo argomento (link in coda all’articolo).

Nel 2016, un uomo di 37 anni ha avvertito improvvisamente difficoltà respiratorie e dolore al petto.

Stava guidando nel traffico di un’autostrada, quindi ha installato il suo pilota automatico Tesla e lo ha lasciato guidare verso l’ospedale più vicino.

In questo secondo caso, il pilota automatico Tesla si è rivelato un vero e proprio presidio salvavita.

Tuttavia, l’elevata quantità di incidenti mortali verificatisi nei quattro anni precedenti porta a ritenere che non sia ancora la soluzione migliore in caso di emergenza.

Più propriamente, si può ritenere che i miglioramenti da apportare al sistema di pilotaggio automatico siano ancora tanto significativi da escludere ad oggi questo innovativo aiuto per trasporti tanto delicati.

PER APPROFONDIRE:

READ THE ENGLISH ARTICLE

AUTOPILOTA TESLA SULLE AMBULANZE: SI O NO?

L’APPROCCIO DEL FIRST RESPONDER ALL’AUTO ELETTRICA: COME SOCCORRERE CHI VI SI TROVA ALL’INTERNO?

FONTE DELL’ARTICOLO:

THE GUARDIAN

I commenti sono chiusi.