Viva! 2016 : 17-23 ottobre torna la settimana per la rianimazione cardiopolmonare

Per il quarto anno consecutivo, IRC – Italian Resuscitation Council – associazione scientifica senza scopo di lucro da anni impegnata a condurre un’intensa opera di formazione sulla rianimazione cardiopolmonare – raccoglie l’invito dell’Unione Europea e di ERC – European Resuscitation Council- a promuovere, sviluppare e realizzare la campagna
“Viva!”.
Viva! è una settimana di eventi ed iniziative speciali dedicati interamente al tema della rianimazione cardiopolmonare, dal 17 al 23 Ottobre 2016, con lo scopo di informare e sensibilizzare la popolazione italiana sul tema dell’arresto cardiaco.
Il progetto, istituito dal parlamento europeo nel 2012, con lo scopo di migliorare la conoscenza e la formazione dei cittadini nell’ambito della rianimazione cardiopolmonare, punta a sviluppare una “campagna di sensibilizzazione” attraverso manifestazioni pubbliche, eventi ed iniziative speciali nelle scuole e nei luoghi dedicati all’attività sportiva.
Nel corso della settimana Viva! si terranno diversi appuntamenti imperdibili, tra cui il
Congresso Nazione IRC e il Mass traning “Kids Save life”, entrambi in programma a Milano.
Il Congresso Nazionale IRC 2016, che si terrà il 20 e 21 Ottobre, presso l’NH Congress Center di Assago, rappresenta due giornate intense per tutti i soci IRC e per i professionisti
sanitari interessati al tema, con l’obiettivo di informare sulle ultimissime novità nel campo
dell’arresto cardiaco e della rianimazione cardiopolmonare.
La settimana Viva! culminerà però il 22 ottobre con il “Mass Training” Kids Save Lives, che si terrà ad Assago presso l’NH Congress Center: un maxi corso di rianimazione cardiopolmonare, dedicato al mondo dei giovani che vedrà in prima linea migliaia di studenti delle scuole superiori milanesi e che aprirà le porte anche ai cittadini italiani. Al termine del corso verranno rilasciati dei certificati BLS-D.
L’anno scorso Viva! ha raggiunto e sensibilizzato più di 30.000 persone in tutta Italia: l’augurio è che quest’anno i numeri possano raddoppiare. Prendiamo sempre più consapevolezza che ogni anno oltre 400.000 persone in Europa sono colpite da arresto cardiaco e che molte di queste potrebbero essere salvate da tempestivi interventi di soccorso.

I commenti sono chiusi.