Protezione Civile in allerta – meteo: in arrivo venti di burrasca sulle regioni del Centro-Nord

Protezione Civile: Allerta gialla su Abruzzo e Molise. Mareggiate lungo le coste esposte, venti forti in Emilia-Romagna

Un’area depressionaria, centrata sull’Europa settentrionale, determinerà, nella giornata di domani, una fase di moderato maltempo sulla nostra penisola, interessando soprattutto le regioni adriatiche centro-settentrionali, accompagnati da intensi venti nord-orientali.

Protezione civile in allerta: le previsioni

Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticità idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticità e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it).

L’avviso prevede dalle prime ore di domani, martedì 14 aprile, venti da forti a burrasca dai quadranti orientali su Emilia-Romagna, in estensione a Lombardia e Marche. Possibili mareggiate lungo le coste esposte.

Sulla base dei fenomeni previsti e in atto è stata valutata per la giornata di domani allerta gialla su Abruzzo e Molise.

Il quadro meteorologico e delle criticità previste sull’Italia è aggiornato quotidianamente in base alle nuove previsioni e all’evolversi dei fenomeni, ed è disponibile sul sito del Dipartimento della Protezione Civile (   www.protezionecivile.gov.it ), insieme alle norme generali di comportamento da tenere in caso di maltempo. Le informazioni sui livelli di allerta regionali, sulle criticità specifiche che potrebbero riguardare i singoli territori e sulle azioni di prevenzione adottate sono gestite dalle strutture territoriali di protezione civile, in contatto con le quali il Dipartimento seguirà l’evolversi della situazione.

FONTE

SITO DELLA PROTEZIONE CIVILE ITALIANA

I commenti sono chiusi.