Anestesia generale o locale? Scopriamo i diversi tipi

Scopriamo quanti tipi di anestesia esistono e le loro caratteristiche

Tipi di anestesia

Anestesia locale: 

Utilizzata anche in ambito ambulatoriale prevede la somministrazione di un anestetico in prossimità di un nervo o di un tessuto in grado di interrompere le informazioni che, da questo, raggiungono il cervello.

Nell’immaginario collettivo è la tecnica adottata dall’odontoiatra.

Spesso, però, è utilizzata anche in sala operatoria per l’esecuzione di piccoli interventi, come per esempio l’asportazione di nevi o lipomi, che senza anestesia risulterebbe improponibile.

Anestesia plessica:

E’ un tipo di anestesia locale e prevede la somministrazione di farmaci anestetici, in volume e concentrazioni variabili, e disattiva in maniera reversibile alcune strutture nervose.

La tecnica, se affidata a professionisti esperti, permette ai pazienti di affrontare numerosi interventi agli arti superiori o inferiori in respiro spontaneo e senza anestesia generale.

Al momento risulta la prima scelta nell’artroscopia di spalla, in tutti gli interventi maggiori alla mano e nella correzione dell’alluce valgo.

Anestesia spinale: 

Il termine spinale di derivazione anglosassone, è abbastanza generico e spesso utilizzato in modo improprio.

In realtà nella rachianestesia, cioè l’anestesia eseguita nel rachide, si collocano due approcci distinti: subaracnoidea (quella che spesso viene identificata in società come spinale) e peridurale.

Nella fattispecie, avviene una somministrazione di anestetico a concentrazione e peso specifico variabile all’interno del liquido cefalorachidiano (subaracnoidea), oppure all’interno di uno spazio virtuale (peridurale).

Queste tecniche danno la possibilità al chirurgo di eseguire interventi agli arti inferiori e a determinati distretti addominali.

Anche in questo caso gli esempi sono svariati: protesi d’anca, protesi di ginocchio, riduzione cruenta di fratture ossee, artroscopia di ginocchio, ernioplastica, taglio Cesareo, interventi di urologia, parto indolore e safenectomia.

La grande virtù delle tecniche di anestesia loco-regionale dà la possibilità di programmare la durata dell’effetto antalgico.

Le molecole e le concentrazioni, oltre alle svariate tecniche, permettono al medico specialista di approcciare ogni tipologia di atto chirurgico in maniera razionale ed equilibrata.

Le controindicazioni sono il numero di piastrine ridotto e le alterazioni dei tempi di coagulazione.

Queste procedure vengono proposte solo a pazienti adulti e collaboranti.

Anestesia generale:

Nei casi controindicati e per alcuni interventi l’anestesia totale è una tecnica ancora oggi molto valida che prevede l’utilizzo di oppiacei, ipnotici e miorilassanti.

Ogni paziente è unico 

Ogni paziente va indagato in profondità proprio per adattare tecnica e aspettative.

A volte sono sufficienti basse dosi di farmaco ipnotico per ridurre l’ansia da camera operatoria e superare brillantemente qualsiasi operazione chirurgica.

In futuro avremo farmaci ancora più performanti e specialisti capaci e attenti alle singole esigenze.

Un forte sinergismo tra Paziente, Chirurgo e Anestesista è quanto di più auspicabile.

Spesso le buone parole, l’empatia e qualche carezza sono molto più efficaci rispetto a qualsiasi farmaco.

Per approfondire:

Position paper per un ripensamento del sistema emergenza-urgenza: intervista al prof. Pelosi (Cpar)

Ripensamento del sistema di emergenza pre-ospedaliera: il position paper degli infermieri di emergenza territoriale SIIET

Fonte dell’articolo:

GSD

Potrebbe piacerti anche