Coronavirus, Carlo Palermo (sindacato medico italiano Anaao Assomed): “La mortalità aumenterà a tre cifre”

Coronavirus, il segretario del sindacato medico italiano Anaao Assomed: “Non abbiamo l’arma decisiva, ma cominciamo ad avere qualche possibilità di intervento in più”

“La ripresa dei contagi ha determinato un notevole sovraccarico di lavoro sugli ospedali.

Per coloro che sono in prima linea il rischio aumenta, nonostante tutte le precauzioni che possono essere prese.

In termini di regioni, i fronti piu’ caldi sono la Lombardia, la Toscana, il Lazio e la Campania.

La seconda ondata era attesa, forse abbiamo perso troppo tempo nei mesi scorsi.

Abbiamo un pochino sbandato con il rilassamento di questa estate, e’ il caso di riprendere una traiettoria piu’ equilibrata perche’ e’ chiaro che le questioni sanitarie si riflettono inevitabilmente anche sulle questioni economiche, soprattutto con l’aumento della mortalita’, che aumentera’ sicuramente a tre cifre, io penso tra 100 e 200, se rimarremo a questo livello di contagio.

Coronavirus, il sindacato medico: “con questo trend i posti in terapia intensiva saranno saturati”

C’e’ una differenza di circa 7 giorni tra l’aumento dei contagi e l’aumento dei ricoveri, con questo trend i posti in terapia intensiva saranno saturati.

Certamente rispetto a marzo siamo migliorati, li’ eravamo di fronte ad un virus di cui non si conosceva nulla e la fase territoriale e’ stata completamente saltata.

Ora la fase territoriale in qualche modo c’e’, ma rischia di essere saturata, soprattutto la fase di tracciamento”.

Così Carlo Palermo, Segretario Nazionale di Anaao Assomed, e’ stato ospite del programma ‘L’imprenditore e gli altri’ condotto da Stefano Bandecchi, fondatore dell’Universita’ Niccolo’ Cusano, su Cusano Italia Tv.

Secondo Palermo “non abbiamo l’arma decisiva, ma cominciamo ad avere qualche possibilita’ di intervento, e’ un quadro che riusciamo meglio a trattare.

Abbiamo inoltre qualcosa in piu’ dal punto di vista organizzativo, perche’ sono stati assunti circa 30mila operatori tra medici ed infermieri.

Riferendoci solo ai medici, sappiamo che in ogni anno in questa fase vanno via 6mila medici, in realta’ sono gia’ andati via, ne abbiamo assunti 6mila che quindi vanno a coprire il turnover.

Vi e’ da considerare anche il fatto che l’incremento di 3500 di posti letto di terapia intensiva, necessita ovviamente di un incremento di personale.

Sindacato medico italiano Anaao Assomed su emergenza coronavirus: i posti in terapia intensiva sono 6600

Non e’ vero come dice Conte che i posti letto di terapia intensiva sono stati portati a quasi 9mila, sono attualmente 6600.

A livello ordinario il 60% sono occupati da pazienti con altre patologie, quindi potremmo dire che 4000 sono gia’ occupati, ne restano 2600, di cui 800 secondo i dati di oggi sono occupati da malati covid, allora ne restano 1800.

Ci sono alcune regioni come Veneto, Val D’Aosta e Friuli che hanno raggiunto lo standard di 14 letto di terapia intensiva per 100mila, nelle altre regioni questo standard non e’ stato raggiunto”.

“Dal punto di vista del territorio scontiamo alcuni ritardi. Nel tracciamento sono molto importanti i dipartimenti di igiene e prevenzione che in alcune aree del Paese sono state letteralmente massacrate e che adesso richiedono di essere rafforzate.

Per quanto riguarda i medici di base, hanno bisogno di essere sorretti dal punto di vista delle dotazioni di protezione individuale, ma non tutti saranno pronti ad eseguire i tamponi rapidi perche’ in molti ambulatori non ci sono le condizioni di sicurezza per poterli effettuare.

Sarebbe molto meglio fare queste operazioni in case della salute”, conclude il segretario nazionale di Anaao Assomed.

Per approfondire:

COVID-19, sospesa 230 giorni senza stipendio per aver contestato la carenza di DPI nel 118: insorge Anaao Assomed

Anaao Assomed: entro il 2023 mancheranno almeno 10mila medici specialisti, servono 1,3 miliardi per 11.800 contratti

Fonte dell’articolo:

Agenzia Dire

I commenti sono chiusi.