Coronavirus, dal 26 ottobre test rapidi per scuole e lavoro dell’Emilia-Romagna

Coronavirus: test rapidi in arrivo Emilia-Romagna per ‘scovare’ il Covid nelle scuole e i luoghi di lavoro. Per l’Emilia-Romagna sono insomma ormai a disposizione i due milioni di tamponi della gara effettuata in tandem insieme alla Regione Veneto, test capaci di rilevare in pochi minuti la presenza del virus, li useremo per fare prevenzione nelle scuole, ma anche nei luoghi di lavoro.

Ma non è l’unica scadenza a breve: parte infatti il 19 ottobre in collaborazione con le farmacie convenzionate la campagna di screening sierologico rivolta alle scuole, non solo ai ragazzi fino ai 25 anni, cioè fino all’università, ma anche a genitori e conviventi dei ragazzi.

CORONAVIRUS, TEST RAPIDI A STUDENTI E FAMIGLIE: DAL 19 IN FARMACIA

Test sierologici gratuiti in farmacia per tutti gli studenti dell’Emilia-Romagna (universitari compresi) e le loro famiglie.

L’accordo siglato oggi tra la Regione e le associazioni dei farmacisti prevede che gli esami per la ricerca degli anticorpi del coronavirus, eseguibili dal 19 ottobre fino al 30 giugno 2021 in 1.366 le farmacie convenzionate, possano riguardare due milioni di emiliano-romagnoli.

TEST RAPIDI CONTRO IL CORONAVIRUS, LA SODDISFAZIONE DI FEDERFARMA

È “la prima volta che in Italia si realizza una cosa del genere”, sottolinea Achille Gallina Toschi di Federfarma a nome anche di Assofarma, Farmacie Unite e Assofarma.

“Quando l’assessore alla Sanità mi ha proposto la cosa a fine agosto- spiega l’esponente di Federfarma dopo la firma- ho detto prontamente di sì perchè la prevenzione è una delle armi principali contro la pandemia.

Abbiamo apprezzato la scelta delle farmacie come presidio sanitario sul territorio.

E’ stato un percorso ad ostacoli, ma ora ci siamo quasi.

I test stanno arrivando in questi giorni, pronta anche la piattaforma per gli esiti del test”.

Per eseguire il test bisognerà prima prenotare, sempre nella farmacia di fiducia, anche per evitare assembramenti.

Potranno sottoporsi al sierologico non solo gli studenti di ogni ordine e grado coi loro conviventi, ma anche gli universitari, purchè con residenza o domicilio sanitario in regione.

In arrivo, dal 26 ottobre, anche i due milioni di tamponi rapidi ordinati dalla Regione (eventualmente potrebbe arrivarne un terzo) per le scuole e gli ambiti di lavoro più a rischio di focolai da Covid-19.

L’obiettivo è poter svolgere velocemente verifiche estese (per esempio a un’intera classe) in presenza di positività e quindi ridurre al minimo possibili le quarantene.

Questi test, che prevedono l’esecuzione di un tampone in caso di positività, forniscono il risultato nel giro di massimo 20 minuti.

PER IL VACCINO ANTINFLUENZALE È ATTESO DATO RECORD

Per quanto riguarda poi le vaccinazioni antinfluenzali si prevede una vaccinazione che coprirà quasi un terzo della popolazione dell’Emilia-Romagna, e questo agevolerà molto le strutture sanitarie nella diagnosi del COVID-19.

PER APPROFONDIRE:

COVID-19, NEL LAZIO PARTONO OGGI I TEST SALIVARI

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.