COVID-19, in Germania la risposta dei soccorritori: le 37 stazioni di elisoccorso ADAC in massima allerta

COVID-19, non solo Italia: la seconda ondata di coronavirus si sta manifestando in molti paesi, soprattutto in Europa. E’ il caso della Germania, paese in cui il servizio di soccorso aereo sta intensificando le proprie attività: ADAC Air Rescue ha adottato protocolli che consentono una copertura completa del territorio. La fase 1, in questo, è stato istruttivo.

“Il numero attualmente crescente di infezioni da COVID-19 – raccontano i soccorritori tedeschi – viene osservato con preoccupazione anche all’ADAC Air Rescue.

Il coronavirus sta ancora una volta chiamando l’organizzazione no-profit di Monaco a grandi sfide.

“Il servizio di soccorso aereo è attualmente completamente assicurato in Germania”, sottolinea l’amministratore delegato Frédéric Bruder.

“Con l’esperienza della prima ondata, siamo preparati al meglio per l’aumento dei voli di trasferimento COVID-19.

Trasportiamo i nostri pazienti, che abbiano COVID-19 o meno, come al solito in modo sicuro e affidabile nei nostri elicotteri ”.

COVID-19 in Germania: massimo livello di sicurezza presso le 37 stazioni di soccorso aereo ADAC

Ci sono stati elogi da parte dell’ADAC Air Rescue per il cosiddetto “concetto di foglia di trifoglio” del ministero federale degli interni.

Se le capacità sono limitate, i governi federale e statale vogliono distribuire i pazienti in terapia intensiva affetti da Covid-19 tra gli stati federali in futuro.

“Questo è un passo importante e corretto per prevenire i colli di bottiglia regionali nella cura dei pazienti in terapia intensiva corona in una fase iniziale.

In questo modo, possiamo reagire meglio e più velocemente a tali sovraccarichi nell’aria di quanto abbiamo fatto in primavera “, ha spiegato l’amministratore delegato Bruder.

Nelle 37 stazioni dell’ADAC Air Rescue si applicano attualmente il massimo livello di sicurezza e un concetto di sicurezza e igiene molto rigoroso per i trasporti a protezione dalle infezioni.

Per questo, ADAC Luftrettung è stata recentemente la prima organizzazione di servizi di soccorso in Germania a ricevere il sigillo di qualità “Safe against Coronavirus” da TÜV Hessen.

Nessuno tranne gli equipaggi, composti ciascuno da un pilota, un medico di emergenza e un paramedico, attualmente ha accesso alle stazioni di soccorso aereo.

Soccorritori in Germania, le spese per la protezione da COVID-19 si sono moltiplicate esponenzialmente

C’è una consistente riduzione al minimo del contatto all’interno degli equipaggi.

Per proteggerli, così come i pazienti in azione e in reparto, dalla malattia, la spesa per tute protettive, maschere e occhiali nonché disinfettanti è passata da circa 20.000 euro all’anno a oltre 1,2 milioni di euro dallo scoppio della pandemia è aumentato.

Al fine di proteggere gli equipaggi – e quindi mantenere l’assistenza medica di emergenza per la popolazione – i cosiddetti ionizzatori al plasma vengono ora utilizzati anche per la purificazione dell’aria nell’ADAC HEMS Academy, il centro di istruzione e formazione per piloti di elicotteri, medici di emergenza e paramedici a Bonn-Hangelar.

Germania: a causa delle infezioni da COVID-19, fino ad oggi non ci sono state conseguenze sulla prontezza operativa

Gli sviluppi attuali vengono analizzati quotidianamente presso ADAC Luftrettung al fine di apportare immediatamente eventuali adeguamenti ai processi o investimenti necessari.

In coordinamento con la casa madre di ADAC Luftrettung, la Fondazione senza scopo di lucro ADAC, sono stati messi a disposizione fondi all’inizio della pandemia per effettuare pagamenti anticipati in modo rapido e pragmatico e per effettuare tutti gli investimenti imprevisti necessari per mantenere il servizio di soccorso aereo con il solito volo e sicurezza del paziente.

Nella fase più alta della pandemia da metà marzo a fine giugno, gli angeli gialli volanti avevano volato circa 450 missioni corona e fornito aiuti transfrontalieri con speciali trasporti di ricollocazione dalla Francia e sostenuto la Bundeswehr nel suo aiuto all’Italia.

Al fine di creare capacità aggiuntiva per le emergenze e i trasferimenti in terapia intensiva, a metà aprile è stato stazionato a Ludwigshafen “Christoph 112”, il primo elicottero da trasporto di allerta e terapia intensiva a livello nazionale.

Grazie alla sua attrezzatura, “Christoph 112” è ideale per il trasporto di pazienti con gravi malattie polmonari e può quindi essere utilizzato per i trasferimenti in terapia intensiva di pazienti con corona che necessitano anche di ventilazione durante il trasferimento.

In Baviera, Assia e Renania-Palatinato, gli angeli gialli volanti hanno anche addestrato lo squadrone di elicotteri della polizia sulle misure igieniche speciali per il trasporto di infezioni.

I pazienti Covid-19 possono ora essere trasportati anche dalla polizia in caso di emergenza”.

Per approfondire:

HEMS e drone ambulanza, dalla Germania uno studio dal servizio di elisoccorso ADAC Luftrettung sul multicottero / PDF

Read the english article

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale elisoccorso ADAC

I commenti sono chiusi.