Ipertensione polmonare: che cos’è e come si cura

L’ipertensione arteriosa polmonare è una malattia rara che si verifica quando la pressione del sangue nelle arterie polmonari e nella parte destra del cuore raggiunge livelli troppo elevati

Può essere primitiva, oppure una conseguenza o una complicanza di alcune cardiopatie congenite.

I pazienti che ne sono affetti necessitano di una presa in carico da parte di medici specializzati, follow up periodici e una calibrata terapia medica.

MALATTIE RARE? PER APPROFONDIRE VISITA LO STAND DI UNIAMO – FEDERAZIONE ITALIANA MALATTIE RARE IN EMERGENCY EXPO

Ipertensione arteriosa polmonare: le cause

L’ipertensione arteriosa polmonare (PAH – Pulmonary Arterial Hypertension) è una malattia rara: l’incidenza si attesta infatti tra i 15 e i 60 casi per milione.

È una delle potenziali complicanze o conseguenze delle cardiopatie congenite, soprattutto in quelle dove c’è stato uno shunt.

Per shunt si intende la comunicazione diretta tra il sangue della circolazione sistemica e quello della circolazione polmonare, che avviene in malformazioni come il difetto interventricolare, il canale atrioventricolare o il dotto arterioso.

Quando questo difetto viene corretto tardivamente, o non corretto, oppure in tutte le condizioni in cui c’è stato un iper-afflusso, potrebbe svilupparsi una malattia anche a carico dei polmoni.

I sintomi di ipertensione arteriosa polmonare

I pazienti che soffrono di ipertensione arteriosa polmonare lamentano:

  • difficoltà respiratorie;
  • ridotta tolleranza allo sforzo;
  • astenia;
  • sincopi;
  • cianosi;
  • scompenso cardiaco (con congestione e gonfiore).

Esistono anche casi di pazienti asintomatici, perché l’organismo si è ben adattato, ma necessitano comunque di un trattamento.

Per approfondire:

Che cos’è la tachipnea transitoria del neonato, o Sindrome del polmone umido neonatale

Polmonite: cause, cura e prevenzione

Malattie rare: poliposi nasale, una patologia da conoscere e da riconoscere

Fonte dell’articolo:

GSD

Potrebbe piacerti anche