Ordinanza nr.63, il via libera ai rimborsi

Più di 11 milioni di euro stanziati, 1.500 euro a famiglia, per le spese inerenti al trasloco sostenuto a causa del sisma. Provvedimento che è stato approvato dal commissario delegato per la ricostruzione e dal Presidente della Regione Emilia Romagna, Vasco Errani. I beneficiari sono tutti coloro che hanno subito ingenti danni alle proprie abitazioni; abitazioni rese inagibili dal sisma. Un finanziamento che va a coprire 57 comuni della Regione Emilia Romagna che sono stati coinvolti dal terremoto in conseguenza degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012; dunque quei cittadini la cui abitazione è stata sgomberata per inagibilità totale (livello di danno E).

L’ordinanza fa in modo che i contributi siano destinati alle spese effettivamente sostenute per il trasloco e il deposito temporaneo dei mobili: il contributo massimo è di 1.500 euro in riferimento alle fatture e alle ricevute effettivamente sostenute. I beneficiari, dovranno  poi trasmettere la richiesta di contributo (compilando un modulo apposito di domanda allegato all’ordinanza) al Comune dove è situato l’immobile danneggiato: sarà infine il Comune stesso a svolgere l’istruttoria delle domande e ad erogare direttamente il contributo al beneficiario. A ogni comune interessato è assegnato un budget calcolato in base al numero delle unità abitative coinvolte dal terremoto che hanno presentato danni con livello di danno E.

I commenti sono chiusi.