Primo soccorso sul luogo di lavoro durante la pandemia COVID-19: come soccorrere evitando il coronavirus?

La pandemia COVID-19 ha determinato profonde mutazioni nel rapporto delle persone con il proprio luogo di lavoro. Termini come lockdown, smart working e altri sono diventati, loro malgrado, familiari. Ma anche le procedure di primo soccorso devono tenere conto del coronavirus.

In tal senso un interessante studio di Nicola Magnavita, Angelo Sacco, Gabriella Nucera, Francesco Chirico , pubblicato sulla rivista Oxford Academic, della celeberrima Università, peraltro protagonista di uno dei principali test per la realizzazione del vaccino anti Covid.

L’assunto di partenza è evidente proprio a coloro che rischiano maggiormente, cioé coloro che per ruolo e compiti non possono affidarsi allo smart working: le persone passano più di un terzo della loro vita sul posto di lavoro [1]. E’ un dato di fatto.

COVID-19, gli eventi sanitari urgenti sul luogo di lavoro

Sul posto di lavoro possono quindi verificarsi eventi sanitari che richiedono un intervento urgente.

Tra lo 0,3 e il 4,7% degli arresti cardiaci fuori dall’ospedale [2] (una delle principali cause di morte a livello globale con un’incidenza del 55 per 100 000 adulti all’anno [3]) si verificano sul posto di lavoro.

Altri eventi traumatici che coinvolgono i lavoratori, i clienti e il pubblico in generale possono richiedere la rianimazione cardiopolmonare (RCP).

L’annegamento, che è responsabile del 7% di tutti i decessi traumatici ed è la terza causa di morte per incidenti a livello globale, è un rischio significativo nelle piscine e nelle spa.

A livello globale, la stima annuale dei decessi per annegamento è di 372.000, ma può essere una sottovalutazione [4].

Un primo soccorso efficace è un dovere morale per ogni lavoratore. In conformità con l’articolo 16 (1) della direttiva 89/391/CEE, i datori di lavoro devono nominare personale di primo soccorso addestrato per la consegna del primo soccorso, la lotta antincendio e l’evacuazione dei lavoratori.

La ripresa delle attività dopo l’isolamento richiede una revisione del primo soccorso sul posto di lavoro.

Il primo soccorso sul posto di lavoro durante la pandemia da COVID-19

Sebbene il primo soccorso sul posto di lavoro sia generalmente ben organizzato in tutta Europa, è diventato più impegnativo a causa della pandemia COVID-19, poiché il virus rappresenta un grave rischio di infezione sia per l’infortunato che per il soccorritore.

Durante il primo soccorso, il soccorritore e l’infortunato entrano in stretto contatto, soprattutto durante la RCP.

La rianimazione bocca a bocca rappresenta il rischio maggiore di infezione.

Tuttavia, l’esecuzione di compressioni toraciche genera anche aerosol mediante ventilazione passiva [5].

La protezione fornita dagli scudi/visiere facciali e dalle maschere tascabili di tipo Laerdal con valvola filtrata unidirezionale non garantisce la sicurezza sia del soccorritore che dell’infortunato.

A seguito della pandemia COVID-19, le valutazioni dei rischi dovrebbero essere riviste e i servizi di primo soccorso professionale dovrebbero essere riconfigurati.

Poiché potrebbe esserci una carenza di dispositivi di protezione e di operatori addestrati, il personale deve essere adeguatamente addestrato e pronto ad affrontare le sfide poste dalla pandemia.

Durante le sessioni di insegnamento, deve essere mantenuto il distacco sociale e il numero di partecipanti deve essere limitato.

Gli studenti devono disporre di adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI).

Devono essere previsti disinfettanti e prodotti igienizzanti per la pulizia e la disinfezione delle superfici, nonché manichini dedicati a basso costo che possano essere disinfettati prima e dopo l’uso da parte di ogni studente.

Anche i dispositivi di formazione automatizzati per defibrillatori esterni (DAE) devono essere igienizzati.

Un’attenta gestione delle risorse può superare questi problemi, ma è più difficile attuare efficaci procedure di sicurezza volte ad eliminare il rischio biologico per l’infortunato e il soccorritore.

Il rischio posto dalla rianimazione bocca a bocca e l’incertezza su un controllo efficace potrebbero portare alcuni lavoratori a rifiutarsi di eseguire la RCP o, nel caso in cui fossero infetti, ad incolpare i loro datori di lavoro per non riuscire a controllare adeguatamente il rischio.

Le linee guida per il primo soccorso e la RCP dovrebbero quindi essere modificate per includere ulteriori misure di controllo del rischio e raccomandazioni.

Rianimazione bocca a bocca sul luogo di lavoro in tempi di COVID-19

Evitare la trasmissione di malattie infettive durante la rianimazione bocca a bocca è un problema che è stato affrontato prima dell’attuale pandemia.

Se l’infortunato è stato infettato da HIV, tubercolosi, epatite B o SARS, le linee guida dell’European Resuscitation Council (ERC) del 2015 raccomandano ai soccorritori di utilizzare una visiera monouso di tipo Laerdal con filtro a bassa resistenza con valvola a una via filtrata.

Tuttavia, la pandemia COVID-19 ha spinto le organizzazioni internazionali e nazionali ad aggiornare le loro linee guida.

Se si sospetta che le vittime siano affette da COVID-19, le linee guida aggiornate dell’American Heart Association (AHA) raccomandano ai soccorritori laici di eseguire solo la compressione toracica e la defibrillazione negli adulti e di eseguire la RCP completa solo nei bambini ad alto rischio di insufficienza respiratoria.

L’AHA raccomanda sia al soccorritore che all’infortunato di indossare una maschera chirurgica o un copricapo [6].

Si sconsiglia l’uso di una visiera protettiva per gli occhi.

Le raccomandazioni dell’Australian and New Zealand Committee on Resuscitation (ANZCOR), pubblicate il 3 aprile 2020, suggeriscono ai soccorritori non professionisti di eseguire solo compressioni toraciche e defibrillazioni di pubblico accesso.

Tuttavia, i soccorritori non professionisti e altamente qualificati possono fornire respirazione di soccorso a neonati e bambini rispettando le precauzioni standard e le procedure di sicurezza per il lavaggio delle mani, la pulizia e la decontaminazione [7].

Le linee guida dell’International Liaison Committee on Resuscitation (ILCOR), aggiornate il 10 aprile 2020, raccomandano la ventilazione bocca a naso e bocca per i bambini (<8 anni) se il soccorritore è sufficientemente abile e disposto ad accettare il rischio [5].

Il 24 aprile 2020, il CER ha pubblicato specifiche raccomandazioni [8], che sono state poi seguite da linee guida nazionali emanate dai Consigli di rianimazione del Regno Unito e dell’Italia.

Rianimazione sul luogo di lavoro, le linee guida CER per soccorritori laici in caso di adulti sospettati o confermati COVID-19

Le linee guida del CER stabiliscono una procedura dettagliata di RCP per i soccorritori laici nel caso di adulti sospettati o confermati di COVID-19.

La rianimazione deve essere effettuata dai soccorritori che indossano maschere facciali filtranti (FFP2 o FFP3) e guanti monouso solo tramite compressioni toraciche e senza eseguire manovre di respirazione.

Il soccorritore deve coprire il naso e la bocca della vittima con una maschera chirurgica (o una striscia di tessuto), prima di eseguire le compressioni toraciche.

Il CER suggerisce di trattare ogni vittima come se fosse potenzialmente infetta da COVID-19.

Pertanto, se l’infortunato è reattivo e in grado di auto-curasi, il CER suggerisce di fornire consigli di primo soccorso da una distanza sociale di sicurezza (2 m).

Dovrebbero essere indossati adeguati DPI (ad esempio guanti, maschera FFP2 o FFP3 e visiera protettiva per gli occhi) e l’infortunato dovrebbe indossare una maschera chirurgica.

Il soccorritore deve richiedere un’assistenza sanitaria specialistica e indossare i propri DPI.

L’assistenza diretta deve essere fornita solo se assolutamente necessaria (ad es. in caso di emorragia, applicazione di una medicazione, uso di un autoiniettore di adrenalina, valutazione della reattività e posizionamento della vittima) per limitare l’esposizione.

In Italia, il Consiglio Italiano di Rianimazione (IRC) ha adottato il protocollo pandemico del CER e ha suggerito che in alcuni luoghi di lavoro, come le piscine, i soccorritori professionisti (bagnini) debbano indossare DPI (ad esempio maschere facciali, occhiali, guanti), rimuovere tutti gli astanti non protetti e utilizzare la palla-maschera con filtro ad alta efficienza posta tra la maschera e la palla [9].

COVID-19, i datori di lavoro devono fornire formazione sulla biosicurezza

I datori di lavoro devono fornire una formazione sulla biosicurezza per i soccorritori e fornire i DPI necessari, ovvero una cassetta di pronto soccorso che includa guanti monouso (in conformità alla norma EN ISO 374-5), gel idroalcolico per la pulizia delle mani e maschere filtranti.

Le maschere FFP devono essere realizzate in materiale filtrante, coprire il naso e la bocca ed eventualmente anche il mento (semimaschera).

Le maschere approvate in Europa FFP2 sono in grado di filtrare almeno il 94% delle particelle sospese nell’aria, mentre le maschere FFP3 hanno una capacità di filtraggio di almeno il 99%.

Esse corrispondono grosso modo alle maschere N95 e N99 approvate dagli Stati Uniti. Tuttavia, negli Stati Uniti, come in Europa, i criteri di approvazione di queste maschere non si riferiscono specificamente alla protezione contro gli agenti biologici.

Poiché la “dose infettiva minima” del virus responsabile di COVID-19 è sconosciuta, nei casi di infezione da SARS-CoV-2 suggeriamo di adottare un approccio basato sul “principio di precauzione” e di utilizzare maschere FFP2 o FFP3.

La scelta del tipo di maschera, e quindi del livello di protezione, potrebbe tuttavia essere meno importante della capacità di utilizzare correttamente le maschere.

La protezione offerta dalle FFP è maggiore quando il soggetto ha superato il test di adattamento.

Per essere efficaci, le maschere devono essere indossate e rimosse correttamente, ma il rischio di infezione non può mai essere eliminato.

L’esperienza con la SARS ha dimostrato che per le malattie biologiche in cui un numero molto limitato di particelle può essere sufficiente per l’infezione, tutti i tipi di maschera possono essere inadeguati e alcuni lavoratori possono quindi contrarre l’infezione anche se utilizzano le maschere in modo corretto [10].

La strategia migliore per limitare l’infezione è quella di fornire istruzioni e orientamenti chiari e di garantirne l’applicazione.

Gli sforzi educativi dovrebbero concentrarsi su una formazione adeguata, sul rafforzamento dell’igiene delle mani, sull’attuazione di test di adattamento e sul controllo della tenuta delle maschere e sulla rimozione sicura dei DPI.

In conclusione, poiché la SARS-CoV-2 è un virus altamente trasmissibile e l’adesione alle raccomandazioni internazionali ed europee riduce il rischio per i soccorritori e i feriti, ma non lo elimina completamente, la prevenzione deve ridurre questo rischio al livello più basso ragionevolmente ottenibile.

Il soccorritore deve essere informato di tutti i potenziali pericoli, deve essere consapevole del rischio di trasmissione del virus e deve essere dotato di DPI.

Il soccorritore deve comunque accettare il rischio residuo.

Per approfondire:

Read the english article

Coronavirus, Inail: “I contagi da Covid-19 sul lavoro sono oltre 54mila. La regione più colpita è la Lombardia”

Fonte dell’articolo:

Oxford Academic Journals

I commenti sono chiusi.