Sinusite: come riconoscerla e curarla

Sinusite: da cosa nasce? I seni paranasali sono delle cavità situate nello spessore delle ossa del cranio, collegate al naso tramite dei piccoli condotti (osti) che permettono il passaggio del muco

Si distinguono rispettivamente in:

  • frontali: situati al di sopra delle orbite oculari, nell’osso frontale;
  • mascellari: collocati al di sotto delle orbite oculari, nella parte superiore dell’osso mascellare, fino all’arcata dentale superiore;
  • etmoidali: posti fra le due cavità oculari, all’interno dell’osso etmoide;
  • sfenoidali: localizzati nella parte posteriore alle orbite, all’interno dell’osso sfenoide.

I tipi di sinusite

In base alla durata della sintomatologia, la sinusite può essere:

  • acuta: dai 3 ai 7 giorni;
  • subacuta: fino a 3 mesi, senza miglioramenti generali dei sintomi;
  • cronica: oltre i 3 mesi.

Le cause della sinusite

La sinusite si verifica per un aumento della produzione di muco da parte dell’organismo contestuale al restringimento degli osti.

Ciò va, infatti, a determinare un vero e proprio blocco con ristagno delle secrezioni favorendo il proliferare dei patogeni che dalle narici possono arrivare ai seni paranasali.

Le cause che possono determinare questa patologia sono principalmente infiammatorie, e si tratta in genere di:

  • virus, come quello del raffreddore, che nello 0,5%/2% dei casi può evolvere in una forma batterica;
  • miceti, infezioni fungine generalmente riferibili a cause odontogene che interessano i seni mascellari visto il rapporto degli stessi con i denti dell’arcata superiore;
  • allergie;
  • fattori anatomici come ad esempio deviazione del setto nasale, concha bullosa (un’espansione abnorme dell’osso del turbinato medio a causa di una sua pneumatizzazione) che possono concorrere a una cattiva ventilazione e drenaggio dei seni stessi, etc;
  • traumi;
  • adenoiditi: nei pazienti pediatrici la sinusite è spesso riconducibile ad un’infiammazione delle adenoidi trascurata o non curata in maniera opportuna.

Sinusite: i sintomi

La sinusite determina spesso il comune sintomo della cefalea (mal di testa)  e di dolore al volto, in genere localizzato nell’area interessata dall’infiammazione, quindi sopra, dietro o sotto agli occhi, alla mascella o alla fronte.

Oltre a questo, i classici sintomi che la caratterizzano sono:

  • raffreddore con secrezioni nasali o naso che cola per un periodo superiore ai 15 giorni;
  • sensazione in gola delle secrezioni provenienti dal naso;
  • congestione nasale (naso chiuso);
  • tosse produttiva (con catarro);
  • riduzione o assenza di gusto e olfatto (anosmia/iposmia, ageusia/ipogeusia);
  • sensazione di gonfiore localizzato agli occhi;
  • febbre.

Diagnosi 

La diagnosi di sinusite è formulata dallo specialista sulla base della sintomatologia riferita dal paziente e dall’osservazione clinica.

La presenza di 2 o più dei sintomi indicati, abbinata ad un’ostruzione degli osti e muco individuati durante l’esame obiettivo endoscopico può aiutare a delineare il quadro clinico, con una conferma che può arrivare dalla tomografia computerizzata (TC) del massiccio facciale.

Come curare la sinusite

La terapia della sinusite prevede generalmente l’utilizzo di corticosteroidi e mucolitici assunti per via orale o via aerosol, in grado di esercitare un’azione decongestionante, abbinati a lavaggi nasali con soluzioni fisiologiche o ipertoniche.

Se si riscontra dolore, il medico può prescrivere anche antidolorifici e antistaminici per ridurre il gonfiore delle mucose e la sintomatologia.

Nel caso di sinusite batterica è prevista, inoltre, la somministrazione di antibiotico per un periodo di 8-10 giorni.

Quando ricorrere alla chirurgia endoscopica FESS

La chirurgia endoscopica FESS (Functional Endoscopic Sinus Surgery), volta a disostruire meccanicamente i seni nasali, è indicata nei casi di:

  • mancata risposta alla terapia medica e farmacologica;
  • per le forme ricorrenti, croniche o complicate;
  • per la sinusite fungina.

Come prevenire la sinusite

Una vera e propria prevenzione non esiste.

Quello che si può fare è mantenere un sistema immunitario in salute con un’alimentazione sana; ricca di frutta e verdura e associata al giusto apporto quotidiano di acqua, anche tramite bevande calde, assieme ad una buona umidificazione dell’ambiente.

Sinusite o Covid-19?

La rinite (raffreddore) associata a cefalea, riduzione o assenza di gusto e olfatto, tosse, sono sintomi che caratterizzano sia la sinusite che il Sars-Cov-2.

Si potrebbe dire che il Covid-19 sembrerebbe caratterizzato più di frequente, anche se non è sempre questa l’evenienza, da una tosse secca e maggiori sintomi respiratori rispetto alla sinusite, ma, se le tempistiche in relazione alla vaccinazione anti-covid, lo stile di vita, la storia clinica del paziente e della sua famiglia non aiutano a formulare una diagnosi differenziale, solo i test di rilevazione del nuovo Coronavirus possono consentirla.

Per approfondire:

Emergency Live ancora più…live: scarica la nuova app gratuita del tuo giornale per iOS e Android

Polmonite: cause, cura e prevenzione

Vaccino antipneumococcico: che cos’è e come funziona

Sinusite: come riconoscere quel mal di testa che viene dal naso

Fonte dell’articolo:

GSD

Potrebbe piacerti anche