Vaccino COVID-19, la Russia presenta nuove evidenze dell'efficacia di Sputnik V

Il vaccino COVID-19 russo, lo SputnikV, è stato il primo a far parlare di sé a livello mondiale.

In questi giorni molte nazioni stanno sollevando dubbi rispetto all’affidabilità dei vaccini per il coronavirus, sviluppati con tempi troppo rapidi per i normali protocolli scientifici.

Vaccino COVID-19, i nuovi dati su Sputnik V

La Russia ha forse per questo motivo deciso di dare maggiore evidenza alle prove che dimostrano l’efficacia di Sputnik V: gli sviluppatori hanno, in una recente conferenza stampa, fornito i dati di una seconda analisi intermedia di oltre 18mila casi, da cui emerge un’efficacia pari al 91,4%.

A presentare i dati Kirill Dmitriev, CEO del Fondo russo per gli investimenti diretti che sta finanziando lo sviluppo del candidato.

Sputnik V, realizzato dal Gamaleya Center for Epidemiology and Microbiology di Mosca, utilizza “vettori” adenovirus (Ad) per fornire un gene che codifica la proteina di superficie, spike, della SARS-CoV-2, il virus che causa COVID-19.

Lo schema a due dosi inizia con un vaccino Ad26-spike ed è seguito da un’iniezione di richiamo 21 giorni dopo che contiene Ad5 spike.

Gamaleya ha scelto due diversi adenovirus perché teme che le risposte immunitarie allo stesso vettore possano ridurre l’impatto dell’iniezione di richiamo.

Le reazioni della comunità scientifica al vaccino Sputnik V

“Al momento, i dati rilasciati oggi sul vaccino Sputnik sembrano essere i migliori nel campo dei vaccini adenovirus”, dice Ian Jones, un virologo dell’Università di Reading.

I risultati russi presentati oggi sono un’analisi intermedia di 18.794 partecipanti 7 giorni dopo aver ricevuto la loro dose di richiamo.

“Mentre il numero di casi [COVID-19] rimane basso, questo è altamente efficace”, ha detto Azra Ghani, epidemiologa delle malattie infettive all’Imperial College di Londra, allo Science Media Centre.

La sperimentazione in corso condurrà la sua prossima analisi intermedia dopo 78 casi confermati di COVID-19.

Nel complesso, gli organizzatori della sperimentazione prevedono di iscrivere 40.000 partecipanti.

Dmitriev ha detto che i ricercatori hanno intenzione di pubblicare i risultati della sperimentazione in una rivista internazionale peer-reviewed.

Denis Logunov, vicedirettore del Gamaleya Center, osserva che, sebbene siano stati osservati effetti collaterali come dolore nel sito di iniezione, mal di testa e febbre, non sono emersi gravi eventi avversi.

“Non c’è nulla di inaspettato”, ha detto alla conferenza stampa.

Dmitriev ha concluso affermando che i partner in India, Corea del Sud, Cina e Brasile stanno producendo il vaccino, che potrebbe costare meno di 10 dollari a dose.

Gli accordi attuali consentirebbero la produzione di 1 miliardo di dosi nel 2021, con le prime dosi consegnate a livello internazionale a gennaio.

Per approfondire:

Corsa al vaccino per COVID-19, dalla Cina l’annuncio di Sinopharm: vaccino testato su un milione di persone, nessun contagio

Coronavirus, per il vaccino AstraZeneca efficacia tra il 62% e il 90%

Covid, l’annuncio di Moderna: “Vaccino efficace al 95%, è un grande giorno”

Vaccino contro COVID-19, ecco la lista ufficiale del WHO: questi i 47 candidati considerati più efficaci / PDF del documento integrale

COVID-19, gli USA e l’ “esbargo” di Cuba: Itolizumab adottato in Stati Uniti, Messico e Brasile

Read The English Article

Fonte dell’articolo:

Rivista scientifica Science

I commenti sono chiusi.