Smagliature

Definizione300px-Smagliature

Le smagliature sono alterazioni atrofiche, lineari e ben delimitate, dello strato dermico della cute; possono localizzarsi elettivamente alla superficie interna delle cosce, alla parte esterna delle regioni glutee, ai fianchi, al seno e al ventre. Esse attraversano le regioni corporee sottoposte a cambi improvvisi di forma e dimensione, come ad esempio il ventre durante la gravidanza.

Manifestazione

Le smagliature assumono caratteristiche diverse in base allo stadio evolutivo in cui si trovano. Lunghezza e larghezza rimangono relativamente costanti, mentre la colorazione può variare dall’iniziale rosso-violaceo al bianco brillante tipico dello stadio avanzato. La forma è generalmente lineare, fusata e simmetrica, può assumere contorni frastagliati ed irregolari o raggrupparsi a coppie o triadi ed il loro decorso segue, in genere, le linee di tensione. Al tatto, le smagliature hanno una consistenza flaccida, segno evidente della perdita di elasticità cutanea che sta alla base della loro comparsa.

Cause

Una delle cause più frequenti è la rapida variazione di peso e di dimensioni corporee, dovuta da una scarsa elasticità congenita del derma che porta alla rottura delle fibre di collagene in esso presenti, con conseguente comparsa di smagliature. Esse possono essre anche la conseguenza di una terapia farmacologica prolungata a base di creme, lozioni, o pillole contenenti corticosteroidi.

Fattori di rischio

Gravidanza, rapido accrescimento e variazione delle forme corporee in epoca puberale, predisposizione genetico-costituzionale, interventi di mastoplastica additiva, sovrappeso ed obesità ,denutrizione e carenze vitaminiche, utilizzo di corticosteroidi o di steroidi anabolizzanti e diete ferree, sono i fattori di rischio più comuni.

Fonti

www.my-personaltrainer.it

I commenti sono chiusi.