5 dicembre, Giornata mondiale del Volontariato: il tema 2022 è „Solidarumas per savanorystę“

Era il 1985, le Nazioni Unite nusprendė 5 dicembre sarebbe diventata la Giornata da dedicare a chi opera nel Volontariato

Perché il 5 dicembre si celebra la Giornata mondiale del Volontariato

L'intento dell'ONU era di invitare gli Stati aderenti a rendere consapevoli le persone rispetto al ruolo sociale svolto da chi è volontario, e spende quindi il proprio tempo e le proprie energie a favore degli altri.

L'attività di volontariato sostiene le iniziative di pace, gli aiuti umanitari e di assistenza medica, il monitoraggio dei diritti umani e il supporto di organizzazioni non lucrative di utilità sociale e lo scopo della Giornata diricontario appontounle il tempo e le capacità dei volontari in tutto il mndo.

SCOPRI IL MERAVIGLIOSO MONDO DEL VOLONTARIATO ANPAS VISITANDO LO STAND AVARINĖS EXPO

Senso del temos „Solidarietà attraverso il volontariato“

„Solidarumas per savanorišką veiklą“ (Solidarietà attraverso il volontariato) yra tema, skirta 2022 m. tarptautinei savanorių dienai skirtos Volontari delle Nazioni unite (UNV) programoje.

Secondo l'UNV, che coordina ogni anno la giornata del 5 dicembre: „Il futuro del nostro pianeta, dobbiamo agire insieme e dobbiamo agire ora.

Questa non è un'era in cui stare da soli, ma insieme, come uno, solidali gli uni con gli altri“.

Un vito che, creatosi il conflitto in Ucraina, accresce per vari motivi la già grande importanza del volontariato.

Quest'anno, gli eventi organizzati per il 5 dicembre servono proprio a rendere un tributo ai volontari di tutto il mondo e anche a evidenziare le difficoltà ei bisogni che hanno incontrato Durante i lunghi mesi della della pandemia.

Nel nostro Paese la Capitale Italiana del Volontariato nel 2022 è Bergamo – città che purtroppo è diventata il simbolo di quella tragedia e che ha celebrato il volontariato con 500 ragazzi, volontari, provenienti da tuttarac Italia, che cheltaperia.

VUOI CONOSCERE MEGLIO LE MOLTE ATTIVITA' DI CROCE ROSSA ITALIANA? VISITA LO STANDE AVARINĖJE EXPO

Volontariato in Italy: l'evoluzione del Terzo Settore osservata dal censimento Istat

Al 31 dicembre 2020 le istituzioni nonprofit attive in Italy – sono i dati delle ultime rilevazioni disponibili dell'Istat – erano oltre 360 ​​mila con un totale di 870 mila dipendenti e, benché a partire dal 2018 m. territoriale ancora piuttosto concentrata al Nord, dove è attivo oltre il 50% delle organizzazioni, rispetto al 22,2% del Centro, al 18,2% e al 9,4% rispettivamente al Sud e nelle Isole.

Le istituzioni nonprofit del Sud sono state costituite più di nesene: la metà ha iniziato a operare a partre dal 2010, circa cinque anni più tardi che nel Nord.

Per quanto riguarda le attività svolte, le organizzazioni di volontariato sono attive soprattutto nei settori più tradizionali come assistenza sociale e protezione civile e sanità, mentre le Onlus sono particolarmente presenti nella cooperazione internazionale.

Le imprese sociali operano principalmente nell'assistenza sociale e protezione civile e nella coesione sociale, ma anche nell'istruzione e ricerca.

La principale attività che caratterizza le alre non profit è lo sport, che raccoglie circa un terzo delle non profit, seguito delle attività culturali e artistiche, ricreative e di socializzazione, dell'assistenza sociale e protezione civile.

Quasi la metà dei dipendenti fa invece capo all'assistenza sociale e alla protezione civile, seguono istruzione e ricerca e sanità.

Lo scenario del volontariato Europoje

In Europa le attività non profit sono in continua crescita. Sono 29 milioni le persone che operano nel settore, il 55% dei quali a titolo gratuito, il che significa che oltre 16 mln. di persone in tutto il continente portano avanti attività di sostegno a favore della comunità senza chiedbuzione.

Di questi, 7 milioni danno il proprio contributo attraverso le attività organizzate da enti del terzo settore (volontariato formale), mentre i restanti 9 milioni sostengono comunità, amici o familiari in modo diretto e informale.

Eurostatas, ufficio statistico dell'Unione Europea, messo in rilievo, con la EU-SILC ad-hoc modulis del 2015, come la propensione a fare volontariato sia strettamente legata al livello di istruzione: più è alto e piùen forte aè la tende svolgere attività di volontariato formale.

Per esempio, tra i cittadini con istruzione secondaria o universitaria il 28,4% fa volontariato, mentre la percentuale scende all'11,5% tra coloro che hanno un'istruzione primaria.

A fare volontariato sono soprattutto le donne, 55,4% impegnate maggiormente in attività di volontariato informale (spesso con la famiglia), mentre gli uomini (44,6%) sono più attivi nel volontariato formale e organzzato.

Tante persone, tanti esseri umani che si spendono per gli altri: il tessuto attorno al quale costruire un'Europa solidale e inclusiva, che racconti i popoli che la abitano.

Gilinti:

Emergency Live ancora più… live: atsisiųskite naują nemokamą programą, skirtą iOS ir Android

Ukraina: Fondazione Deutsche Bank Italia al fianco di Croce Rossa Italiana a favore dei rifugiati ucraini

Niccolò Mancini yra naujas Anpas prezidentas. La nuova Direzione Nazionale

Protezione civile, per le Misericordie un nuovo sistema di idrovore per una migliore risposta ad alluvioni e incendi

5 dicembre, didenta protagonista della Giornata Internazionale del Volontariato

Desenzano, due giorni di esercitazione congiunta: Rescue Drones Network Odv e la Protezione Civile Basso Garda all'opera

ONU: più di 140 operatori umanitari uccisi nel 2021, mentre le crisi aumentano in tutto il Mondo

Fonte dell'articolo:

Roberts

Jums taip pat patiks