8 Marzo, „Noi usciamo per aiutare gli altri“: „Le donne di ANPAS Lombardia“ pagrindinis filmas „Tutte a casa - Memorie digitali da un mondo sospeso“

8 Marzo, „Noi usciamo per aiutare gli altri“: lo scorso anno, un paio di mesi dopo l'inizio di questa avarinis sanitaria, ricevemmo una telefonata che ci chiedeva di “far parlare” le donne delle Associazioni. Volontarie e Dipendenti, che in un momento così complesso non si sono fermate, conciliando lavoro, famiglia, volontariato… e paura.

Oggi i nostri racconti, le nostre emozioni, i nostri ricordi, vivono nel filmą „Tutte a casa - Memorie digitalali da un mondo sospeso“, che verrà trasmesso il giorno della festa della donna, 8 Marzo, alle 21.30 su La7D.

„Siamo fieri di aver partecipato a questo progetto“ kauliukai prezidentui ANPAS Lombardijoje, Luca Puleo, „beveik 50 proc. Degalų 20.000 Operatoriai del Soccorso delle Associazioni aderenti ad ANPAS Lombardia sono donne, una vera forza motrice del Movointerno . Le Volontarie e Dipendenti che si raccontano sono il simbolo del costante ed instancabile servizio che stiamo svolgendo da oltre un anno, in condizioni straordinarie. “

8 Marzo, le donne ANPAS filmas „Tutte a casa - Memorie digitali da un mondo sospeso“

TUTTE A CASA - ATMINTINĖ DIGITALI DA UN MONDO SOSPESO

per la regia di

Nina Baratta, Cristina D'Eredità, Eleonora Marino

Dalyvaukite filme, kuris gamins ir realizuos

„COLLETTIVO TUTTE A CASA“:

Federica Alderighi, Nina Baratta, Giovanna Canè, Maria Raffaella De Donato, Cristina D'Eredità, Flavia De Strasser, Maria Antonia Fama, Rosa Ferro, Elisabetta Galgani, Elisa Flaminia Inno, Désirée Marianini, Eleonora Marino, Beatrice Miano, Viola Picrain Pizzi, Francesca Zanni

Retkarčiais marzo, ad un anno dall'inizio del lockdown dovuto all'emergenza sanitaria Covid8, andrà in onda in prima serata alle 19 su La21.30D, il Documentary Tutte a casa - memorie digitalali da and mondo sospeso realizzato dal collettivo Tutte a casa, per la Regia di Nina Baratta, Cristina D'Eredità, Eleonora Marino.

8 Marzo, le donne ANPAS ir „Collectivo“ filmas „Tutte a casa“

„Filme nasce dal collettivo“ „Tutte a casa“ “sukurta 16 profesionalų del mondo dello spettacolo e della comunicazione che si sono conosciute su una pagina Facebook i primi giorni di marzo 2020.

„Hanno quindi lanciato“ ir nepaskambinkite į „chui chiedevano“ nepamirštamą vaizdo įrašą, patikrinkite socialinius diegimo vaizdo įrašus, išmaniuosius telefonus išmaniajame telefone, naudodami „quarantena la loro“ „quarantena“, „cos cosy stesse accadendo nelle loro“ atvejį.

„Davanti agli 8.000“ vaizdo įrašas apytiksliai apie 500 donne, „supportate da una regia a distanza“, per la creazione di una narrazione dall'ampio respiro cinematografico sono state scelte alcune parole chiave: la casa, il corpo, la cura, la crisi, la rinascita la libertà.

Ne è nato un affresco di voci del lockdown da marzo a giugno 2020 in Italy, narrato dal punto di vista delle donne: un osservatorio alternativo rispetto alla narrazione mainstreaming, tutta al maschile, della pandemia.

Žiniasklaida, durante la quarantena, davano spazio solo a virologi, politici e scienziati e nessuno conosceva „la versione delle donne“.

Eppure oggi sappiamo che sono loro ad aver pagato il prezzo più alto della pandemia, in ekonominis terminas, lavorativi ma non solo.

Nėra filmo ir rekuperano i frammenti di questa realtà parallela e invisibile a tratti angosciante, a tratti ironica, spudorata, „a viso aperto“.

C'è quindi la difficile quotidianità delle commesse del supermercato, tra i pochissimi luoghi aperti durante la quarantena, la dottoressa che si sveglia nella notte in preda all'ansia e agli incubi, la donna che in quarantena è riuscita a scappare da un compagno violento e chi vive come S. in un seminterrato di 30 metri quadrati e dalla finestra vede le piastrelle del cortile e un pezzo di cielo: „Mai come ora - dice - è chiaro che le scelte non sono uguali per tutti.

Nerealus ir lavoro stabilus, nesvarbu, kaip tai padaryti.

Certi possono pure starci senza soldi per mesi, altri semplicemente no “.

E poi ci sono i giochi sulle terrazze con i bambini, l'insegnante che online rimprovera gli studenti di copiare le versioni, la figlia che si prende cura della madre anziana, le feste di compleanno celebrate senza remore via whatsapp, il lavoro incessante delle ostetriche che monitorano le gravidanze, gli orti sui terrazzi, gli episodi di solidarietà come le sarte che cuciono mascherine di stoffa da distribuire gratuitamente, le volontarie che consegnano la spesa agli anziani.

„Tutte a casa, Memorie digitalali di un mondo sospeso“, la narrazione di un paradosso temporale

Il racconto nato dal “tempo sospeso” è un'indagine poetica che si smarca completeamente dalla narrazione d'inchiesta ma cerca le ragioni profonde e il senso di un vero e proprio “paradosso temporale”: un periodo in cui sembrava non accadere nulla ma stava avvenendo tutto, dentro le mura domestiche.

„Filmas“ yra „Statette prodotto dal collettivo Tutte a casa“ ir „sutelktinis finansavimas“ su „Produzioni dal basso“: „La Raccolta fondi durata 3 mesi ha superato l'obiettivo di 15.000 euro“.

È stato realizzato anche grazie al sostegno di Consiglio Regionale della Puglia Teca del Mediterraneo, Coop. Soc. „Il Nuovo Fantarca“ ir „Sofia Klein“ filmas.

„La mia unica via di salvezza, parlare con qualcuno che in realtà è come parlare con nessuno: questo alla fine è un diario - dice una giovane protagonista mentre si riprende con il suo smartfon -.

Patiekite parlare con te stessa e poi tarnauti mandare dei messaggi agli altri, ne si sa chi.

Qualcosa rimarrà. „Sapere che qualcosa rimarrà“, ateik man iš naujo chiedevano i ritratti ai pittori. Perché questa cosa rimarrà, almeno fino a quando esisterà il cinema. Speriamo už semestrą “.

(Dal filmas „Tutte a casa“, „Memorie digitalali di un mondo sospeso“)

Gilinti:

8 m. Kovo 2021 d., Giornata internazionale della donna: „ogni donna è un'infermiera“

Fonte dell'articolo:

Pranešimas spaudai ANPAS Lombardia

Jums taip pat patiks