Omicron variantas: cosa c'è da sapere, i nuovi studi sciencei

In poco tempo, la nuova variante Omicron, identificata per la prima volta in Sudafrica a fine novembre, si è diffusa in tutto il mondo

Įvairūs moksliniai tyrimai, paskelbti nelle ultime settimane, iniziano a chiarire alcune delle caratteristiche della nuova variante, maggiormente contagiosa, ma anche, in media, meno pericolosa per chi si infetta.

Non bisogna, però, abbassare la guardia: proprio perché così facilmente trasmissibile, la sua rapida diffusione potrebbe comunque mettere in difficoltà gli ospedali ei vaccini rimangono la nostra arma migliore affinché questo non avvenga.

Quanto è difusa Omicron Italijoje ir Europoje

Appena dopo un mese dal suo primo sequenziamento, Omicron era già la variante dominante in molti dei paesi del mondo, comprese alcune regioni dell'Europa.

L'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha infatti affermato che più della metà della popolazione europea potrebbe essere infettata dalla new variante nei prossimi 2 mesi.

Semper secondo le dichiarazioni di Hans Kluge, režisierius l'Europa dell'OMS, la variante è stata già segnalata in 50 stat su 53 e, nella prima settimana del 2022, erano stat registrate oltre 7 milioni di novi casi.

Le caratteristiche della variante Omicron: i nuovi studi sciencei

Omicron si è manifestato come un virus più diffusivo, ma che colpisce prevalentemente le vie aeree superiori, come naso e faringe, risparmiando in parte i bronchi ei polmoni, dove si generano le patologie più gravi.

Numerosi grupi di ricerca in tutto il mondo hanno così iniziato a indagare in laboratorio, attraverso studi in vitro e in vivo, le diverse caratteristiche di Omicron rispetto all varianti precedenti, come Delta.

Quello che emerge è una difficoltà di Omicron a replicarsi con efficienza nel tessuto polmonare: antroji ir komandų tarptautinė koordinavimo komanda Kembridžo terapinės imunologijos ir infekcinių ligų institute polmonari e che aiuta il virus a eluderne le difese.

Un'ipotesi supportata anche da altri studi, come afferma un lateste articolo su Nature, tra cui l'analisi dell'Università di Glasgow, in Scozia.

È bene comunque sottolineare che questi studi sono per ora depositati sulle repository preprint e non sono ancora stati sottoposti a peer review.

La proteina TMPRSS2 non sarebbe invece presente you cellule di naso e gola: questo potrebbe spiegare perché Omicron si comporti meglio nelle vie aeree superiori, dove presenta un'alta carica virale.

Variante Omicron: le ipotesi sulla possibile evoluzione del virus

È un meccanismo naturale di tutti i virus quello di portare con sé degli 'errori' di copiatura nel proprio codice genetico.

Col tempo, anche brevissimo, si accumulano mutazioni che danno origine a viruso originale variantas.

Solo alcune, però, si rivelano pericolose per noi: Omicron lo è è sicuramente per la sua maggior trasmissibilità.

Per questa sua caratteristica, infatti, la new variante emersa in the South Africa in breve tempo è diventata dominante in molti paesi dell'Europa e degli Stati Uniti, superando la variante Delta.

Se nuove varianti ad alta diffusione non riacquisteranno la capacità di infettare con efficienza bronchi e polmoni, SARS-Cov-2 potrebbe trasformarsi progressivamente in un virus ad alta diffusione che non genera una patologia importante.

Ma sono solamente ipotesi: abbiamo bisogno di più dati clinici e di ulteriori studi sciencei per capire cosa potrebbe accadere.

L'impatto della variante Omicron sugli ospedali

Al netto degli studi preclinici già citati, capire cosa realmente stia accadendo nel mondo reale è molto difficile.

La variante Omicron si sta diffondendo, infatti, in un contesto in cui la maggior parte delle persone hanno già una protezione immunitaria da SARS-Cov-2, sia per avvenuta vaccinazione, sia per pregressi incontri con il virus, a le volte per entram .

A questo si aggiunge che le fasce d'età maggiormente colpite da questa nuova ondata sono più basse rispetto alle precedenti.

Per tutte queste ragioni è difficile determinare con sicurezza se Omicron causi effettivamente una malattia più lieve rispetto alle precedenti, o se sia il profilo dei nuovi soggetti contagiati (già immunizzati e per ora abbastanza differ giovani) a fare giovani.

Stando ai dati epidemiologici raccolti finora, la situazione sembra andare in una direzione positiva.

Kanadoje alcuni medici e ricercatori hanno comparato l'andamento dell'infezione di Delta e Omicron (e le relation ospedalizzazioni) in un gruppo di oltre 6000 persone. È emerso che l'infezione da Omicron gamina meno ricoveri.

L'importanza dei Vaccini per proteggersi

La terza dozė patiekti. Dagli ultimi data emerge che le persone che hanno ricevuto la dose booster sono più protette rispetto a chi ha completato il ciclo di vaccinazione primario e, ancora di più, rispetto a chi non è Vaccinato del tutto.

Omicron ha colpito più duramente dove i tassi di vaccinazione erano più bassi.

In questo momento mantenere alti i tassi di Vaccinazione e Prendere tutte le caso caso è necessario per ridurre al minimo la circolazione del virus.

Anche se i pazienti con forme gravi in ​​percentuale sono meno, se il numero dei casi è piisavemente più alto rispetto alle altre ondate, la pressione sugli ospedali può diventare significativa.

Gilinti:

Emergency Live ancora più… live: atsisiųskite naują nemokamą programą, skirtą iOS ir Android

Omicron variantas: che cos'è e quali sono i sintomi dell'infezione

Covid, lo studio dal Sudafrica: „Variante omicron più resistente al vaccino ma causa sintomi più lievi“

Kluge (Oms Europa): „Nessuno può sfuggire al Covid, Italia vicina al picco di Omicron“

JAV, amerikietiški vaikai: +78 % Covid tra i Bambini in una settimana

Cosa devono sapere i pazienti affetti da cardiopatie e ictus sul COVID-19 nel 2022

Lo psichiatra: „Con il Covid incombe la minaccia dell'ipocondria. Nessuno si sente al sicuro“

Fonte dell'articolo:

GSD

Jums taip pat patiks