Assunzioni per infermieri e medici, ma nell’emergenza cambia qualcosa?

Assunzioni per infermieri e medici, ma nell’emergenza cambia qualcosa?

E’ stata approvata dal governo di Matteo Renzi la nuova manovra finanziaria, che stabilirà 113 miliardi di fondi per il settore sanitario, cioè 2 miliardi di euro in più del previsto, con i soldi destinati all’assunzione di oltre 7.000 fra infermieri e medici precari. Al momento la manovra finanziaria è sotto l’investigazione della Commissione Europea, che potrebbe comunque chiedere una revisione al ribasso degli impegni di spesa, per rispettare i patti europei.  La legge finanziaria però dovrebbe garantire gli investimenti del triennio 2017-2019 e non è detto che i cambiamenti richiesti da Bruxelles possano concretizzarsi con novità sul settore sanitario.

L’obiettivo del Governo Renzi è di rafforzare la crescita partendo dagli investimenti in assunzioni e infrastrutture. Per il settore sanitario sono previste 7.000 assunzioni, mentre anche Forze dell’Ordine ed Esercito troveranno fondi per aumentare il proprio personale. Queste sono buone notizie per tutti i servizi di emergenza, che vedono impegnate in diverse fasi competenze e personale di realtà differenti come Vigili del Fuoco, medici e infermieri del 118, Guardia Costiera, Esercito, Marina e Aeronautica.

Nel settore sanitario si confermano le più grandi novità. Il SSN avrà un servizio finalizzato per le cure avanzate, dedicato ai farmaci oncologici e ai farmaci per le malattie più rare e complesse. Inoltre con l’aumento di 2 miliardi del fondo di investimento (da 111 a 113 miliardi) si inizierà il processo di stabilizzazione per gli infermieri e i medici precari che operano in ogni struttura sanitaria. Non sono previste azioni specifiche sul settore dell’emergenza pre-ospedaliera, ma è chiaro che l’indicazione di considerare come lavoro usurante quello di medici e infermieri di corsia, possa avere un passaggio quasi scontato anche sul settore dell’emergenza/urgenza, che ricade sotto il diretto controllo della Centrale Operativa e quindi degli Ospedali. Discorso diverso invece per i medici che operano in ambulatorio, per i quali non dovrebbe esserci nessuna forma di ricambio generazionale. Bisogna però attendere i decreti attuativi per capire come sarà tradotta in pratica questa manovra finanziaria.

A breve quindi devono partire i tavoli per il rinnovo dei contratti e per la stabilizzazione dei precari, come richiede a gran voce l’IPASVI. Le regole del turnover sui dipendenti sanitari seguiranno la stessa revisione di quelle per le Forze dell’Ordine. Oggi il turnover è limitato al 25% ma dal 2017 potrebbe non essere più così. Soprattutto per gli infermieri Matteo Renzi è intenzionato a scardinare il meccanismo che sta facendo invecchiare rapidamente il personale in corsia e in emergenza.

“Le Regioni e il ministero della Salute che del Comitato di settore fa parte – dichiara Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale dei Collegi Ipasvi – hanno mantenuto la promessa e non hanno ceduto alle pressioni dell’Economia che dietro il paravento del rischio di spesa ha cercato di vanificare le uniche certezze per i professionisti che possono venire dai nuovi contratti: crescita professionale e, legata a questa, una diversa organizzazione del lavoro che riconosca meriti e professionalità. Tutto questo nel anche se nonostante tutto la certezza di nuove risorse ancora non c’è, ma il Comitato di settore si dichiara pronto a “integrare” la suddivisione in caso di maggiori disponibilità. Inoltre -aggiunge – a quanto pare dalle dichiarazioni di Matteo Renzi, che vogliamo considerare non una promessa elettorale pre-referendum, ma una promessa legata alle reali esigenze del Paese, ci si è finalmente resi conto della situazione ai limiti della sopportabilità per gli organici: sono mesi ormai che la nostra Federazione denuncia la carenza di infermieri e i rischi legati all’innalzamento dell’età dei professionisti in servizio. Davvero una questione di sicurezza, che nel nostro caso è della salute e per risolverla servono almeno 17-18mila professionisti per far fronte a turni e riposi secondo le nuove regole Ue e altri 30mila per portare il rapporto ogni mille abitanti almeno a 6,3, contro i 9,1 medi nei paesi Ocse più avanzati”.

CONTINUA SUL SITO IPASVI

Secondo le stime attuali, nell’ambito del comparto sicurezza mancano circa 40.000 unità fra Vigili del Fuoco, Polizia, Guardia di Finanza, Carabinieri e Forze Armate. I dati ufficiali dicono che gli organici nel campo medico sono carenti per 3 mila unità, mentre sono 30 mila i dipendenti che dovrebbero essere assunti per coprire le esigenze dei turni fra tecnici sanitari, ausiliari e soprattutto infermieri.  In linea di massima il governo intende procedere valutando caso per caso, sul modello che nelle scorse settimane e ha consentito di assumere «oltre i vincoli del turnover le educatrici precarie dei nidi e delle materne» in città come Roma e Bologna.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X