POSTER IRC – Quando l’astante di un arresto cardiaco diventa fattore di riconoscimento precoce?

POSTER IRC – Quando l’astante di un arresto cardiaco diventa fattore di riconoscimento precoce?

Quello seguente è un poster presentato a novembre 2015 durante il congresso nazionale IRC di Parma. Grazie proprio alla collaborazione dell’Italian Resuscitation Council presentiamo questo lavoro che potrebbe dare spunto per nuove ricerche sull’importanza dell’educazione all’azione e al riconoscimento dei segni premonitori di un arresto cardiaco in un paziente, e sull’influenza che queste azioni hanno per arrivare a ROSC. Ogni settimana pubblicheremo un poster cercando di dare il massimo della visibilità a questi studi molto importanti per il mondo del soccorso e per quello della rianimazione RCP, che si basa su dati scientifici e nel quale i case report sono vitali per un miglioramento costante e continuo delle buone pratiche di rianimazione.

INVIACI IL TUO CASE REPORT

ESITO DI PAZIENTI SOTTOPOSTI A RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DOPO ARRESTO CARDIACO EXTRAOSPEDALIERO: RICERCA DEI FATTORI PROGNOSTICI PRECOCI

 Autori: Ruffini^, L. Rota^, A. Corona^, G. Sesana*, S. Ravasi*, E. Catena^ (^UOC Terapia Intensiva A.O. – Polo Universitario L. Sacco, Milano. *SOREU Metropolitana – A.O. Niguarda Ca’ Granda, Milano)

 

INTRODUZIONE

La progressiva implementazione dei protocolli e della strumentazione a disposizione del personale sanitario ha portato ad un sensibile incremento del numero di Pazienti in Out-of-Hospital Cardiac Arrest (OHCA) che riescono a conseguire al ripristino del circolo (Retourn of Spontaneous Circulation – ROSC) sulla scena dell’evento.

La prognosi dei pazienti rianimati dopo OHCA è basata sui segni di esito neurologico sfavorevole a comparsa entro le 72 ore; (E.M Wijdicks er al. – Neurology August 1006), la letteratura internazionale non ha ancora validato dei predittori di out come neurologico favorevole che orientino efficacemente le scelte terapeutiche ed i conseguenti costi umani e sociali di un evento che in Italia colpisce circa 60.000 persone ogni anno. (WHO Statistical Information System  (WHOSIS) – World Health Statistics 2010).

 

MATERIALI E METODI

Lo studio è condotto nell’area di competenza della SOREU metropolitana di Milano (circa 5.000.000 abitanti) su un totale di 2.579 pazienti rianimati dopo ACC extraospedaliero non traumatico. I pazienti dello studio provengono da due trimestri, il primo del 2014 e il secondo del 2015 con out come alla dimissione, estratti dal campione di Febbraio 2015, paragonabili a quelli descritti dalla letteratura. L’analisi delle variabili, oltre al modello uni variato, si è basata sulla regressione del rischio proporzionale secondo Cox.

 

DISCUSSIONE

Fra i due trimestri a confronto si colloca il secondo anno della “Campagna VIVA!” diretta all’alfabetizzazione della popolazione al riconoscimento e al soccorso del paziente in ACC. Il primo dato che emerge dall’analisi è il maggior numero di pazienti in ACC soccorsi dalla SOREU metropolitana (+10,51% nel 2015) così come l’aumento dei pazienti che conseguono il ROSC assistiti da un testimone BystanderCPR (2+4% nel 2015, p<0,0001). L’analisi multivariata dell’outcome neurologico, applicata al campione di Febbraio 2015, qualifica un dato ancora più significativo: il “testimone bystanderCPR” non solo è protettivo dal decesso sulla scena ma è anche protettivo rispetto alla dimissione con CPC>2 (HR 0,514 (IC95% 0,286 – 0,926)).

CONCLUSIONI

Il “testimone bystanderCPR” si trasforma da “limitante” della mortalità immediata, a fattore prognostico precoce di out come neurologico favorevole alla dimissione dall’ospedale. La potenza del dato è impressionante, considerato il campione in studio relativamente piccolo e confortato anche da quanto riportato nei recenti e autorevoli studi internazionali.

(S. Nakara et al. “Association of Bystander Interventions With Neurologivally Intact Survival Among Patients With Bystander – Witnessed Out-of-Hospital Cardiac Arrest in Japan” – JAMA July 2015).

 

NON VEDI IL POSTER? CLICCA QUI

 

 

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X