Sei convinto che i social media siano inutili in emergenza? Devi guardare questi dati

Quando accade un’emergenza bisogna sempre cercare – prima di tutto – di mettersi al riparo. E subito dopo? “Di certo non serve twittare che c’è stato un terremoto” è la acida battuta che circola da tempo sui social network. Ma guardando i numeri e le situazioni in cui i social media stanno soverchiando la comunicazione tradizionale, viene proprio da pensare il contrario.

SM-Data-InfographicI social sono diventanti fondamentali per la nostra vita, e lo sono per la gestione delle nostre emergenze. Non solo la rete dati è la prima che riesce ad essere ristabilita dopo un evento catastrofico, sia esso naturale o terroristico. Ma la comunità di persone che utilizzano i social network ormai è talmente estesa da raggiungere la metà (il 46% per l’esattezza) della popolazione mondiale. 3 miliardi e mezzo di persone su 7 miliardi hanno una connessione di qualche tipo con la rete internet.  4 miliardi e 700 milioni di persone hanno una connessione mobile e 2,4 miliardi di persone hanno attività sui social media. Non solo è impossibile ignorare questi dati, ma sta diventando scriteriato non includere i social in servizi di allertamento per l’emergenza.

Lo si è visto con gli attentati a Bruxelles e – negli Stati Uniti – con i servizi offerti durante alluvioni o tornado. La forza di penetrazione e condivisione dei social è straordinaria e fa fare un passo in avanti decisivo ai sistemi di allertamento.

Facebook, con un miliardo e 650 milioni di utenti, WhatsApp con un miliardo di utenti, Messenger con 900 milioni e Instagram con 400 milioni, sono i più grandi competitor di questo mercato, e diventano dei supporti per ricerca dispersi, segnalazioni emergenze specifiche o controllo dello stato di salute (il famoso safety check di Facebook) di amici e parenti. A queste attività si collega la possibilità di inviare messaggi push a tutti gli utenti di una determinata zona per avvisarli di non uscire di casa o di recarsi al punto di raccolta più vicino, quando si tratta di effettuare evacuazioni o attività post emergenza. Un allertamento massimo impensabile con i mezzi tradizionali.

socialmedia_users_community_update

In una Europa Occidentale dove il 48% delle persone ha un social network e una connessione dati, significa che se c’è una emergenza e tu  non sei connesso, lo è sicuramente chi ti sta a fianco o il tuo vicino di casa. Soprattutto in un’italia dove questa soglia aumenta al 65%.

Per questo inserire i social network nei sistemi di comunicazione in emergenza è fondamentale. Se infatti non ho il tuo numero di cellulare ma solo i tuoi dati anagrafici, posso farti avere un messaggio di allerta anche sui social, dove non solo ho la certezza di trovarti, ma ho anche la sicurezza che tu abbia letto o meno il messaggio inviato. E posso fare tutto con rapidità, precisione ed efficacia. Sono questi gli ingredienti fondamentali per avere buone operazioni in contesti di emergenza, dove il tempo è il fattore decisivo e dove le comunicazioni sono drammaticamente difficili. Utilizzare un sistema completo e totale può migliorare gli interventi di soccorso e limitare l’impatto di una calamità su tutta la popolazione. I cittadini informati sono cittadini coscienti, e questo fa si che possano tutelarsi, e tutelare il prossimo.

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI? HAI BISOGNO DI UN SERVIZIO DI ALLERTAMENTO IN EMERGENZA? CONTATTACI CON QUESTO MODULO

 

FORM DI CONTATTO:

NOME

COGNOME

CITTA'

PROVINCIA

E-MAIL (richiesto)

TELEFONO

RUOLO

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X