Il dramma di Boston riporta in primo piano una tecnica di soccorso caduta in disuso, il tourniquet

Il dramma di Boston riporta in primo piano una tecnica di soccorso caduta in disuso, il tourniquet

L’esplosione alla Maratona di Boston ha riportato in auge la tecnica di primo soccorso del tourniquet, il bendaggio stretto che si fa vicino alla ferita per fermare le emorragie esterne. È una tecnica di soccorso salvavita che si utilizzava in passato, fin dal tempo dei Romani, poi caduta in disuso.

Messo in discussione all’inizio del ‘900 da un articolo apparso sul Royal Army Medical Corp Journal in cui si evidenziavano i rischi derivanti dall’uso del bendaggio, durante la guerra del Vietnam non venne utilizzato perché molti militari pensavano compromettesse gli arti e favorisse le amputazioni.

Il dramma di Boston ha fatto riscoprire il tourniquet, come appare dalla sequenza di immagini che ritraggono braccia e gambe fasciate con ogni mezzo, fazzoletti, cinture, magliette.

Tuttavia il tema è ancora dibattuto. Benché la Croce Rossa Americana raccomandi di esercitare pressione sulla ferita solo in casi estremi e, per evitare conseguenze peggiori lo sconsigli, in ambito militare pare che il bendaggio sia una tecnica di soccorso ancora utilizzata.

L'autore

Emergency Live

Emergency Live is the only multilingual magazine dedicated to people involved in rescue and emergency. As such, it is the ideal medium in terms of speed and cost for trading companies to reach large numbers of target users; for example, all companies involved in some way in the equipping of specialised means of transport. From vehicle manufacturers to companies involved in equipping those vehicles, to any supplier of life- saving and rescue equipment and aids.

Articoli correlati

Rispondi

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

SEI UN LETTORE?

registrati-ora

SEI UN’AZIENDA?

diventa-partner

X