Prato, un modo per fare la differenza fra i giovani c’è: diventare volontari

Vuoi fare la differenza? Diventa volontario alla Pubblica Assistenza “L’Avvenire” Prato

Al via la campagna dell’Associazione di via San Jacopo rivolta a giovani e adulti residenti nella nostra provincia. Lo spot, interpretato dai volontari, sarà trasmesso dalle emittenti radiotelevisive locali, nelle sale cinematografiche del territorio e online

 

Alla vigilia delle Festività Natalizie la Pubblica Assistenza “L’Avvenire” Prato lancia la Campagna Volontari 2017 e lo fa con un uno spot nuovo di zecca, curato dal regista Giacomo Carolei e interpretato dai volontari dell’Associazione di via San Jacopo. Nel filmato si vedono i volontari impegnati in soccorsi stradali di emergenza. Sullo sfondo la città di Prato, territorio sul quale la Pubblica Assistenza è profondamente radicata, con 15mila soci e 700 volontari, attivi nella sede centrale come nelle 14 sezioni presenti nei Comuni della provincia. I volontari, per tanto, interpretano se stessi. I volti e le voci sono i loro, nessuna aggiunta esterna. Solo lo slogan finale è affidato alla voce di Carolei e recita: “Vuoi fare la differenza? Diventa volontario”.

 

“La nostra Associazione – sottolinea il presidente Livio Benelli – è sana e dinamica ma dobbiamo e vogliamo guardare al futuro. Per questo, di fronte a un valore centrale per la nostra società come il volontariato, abbiamo deciso di realizzare questa campagna per ampliare il numero dei militi coinvolti dalle nostre attività e garantire un brillante futuro alla Pubblica Assistenza”.

 

Lo spot, interpretato dai volontari, sarà trasmesso dalle emittenti radiotelevisive locali, nelle sale cinematografiche del territorio e online. Inoltre, in concomitanza con il lancio della campagna, l’Associazione di via San Jacopo presenta il nuovo sito internet www.pa-lavvenireprato.it e il restyling del logo storico.

 

“In 117 anni – ha concluso Benelli – questa istituzione è stata capace di crescere a Prato, facendo tesoro dell’esperienza e della tradizione, con lo sguardo puntato al futuro e all’innovazione. Ed è questo che intendiamo continuare a fare per il bene della nostra struttura e del territorio in cui operiamo”.

I commenti sono chiusi.