Soccorsi oversize. Per un paziente di 180 kg e una donna di 280, ci sono voluti i pompieri

Un uomo di 180 chili prelevato a Torriglia, in provincia di Genova, si è trovato di fronte i volontari del soccorso e i medici del 118 impossibilitati a sollevarlo e che per trasferirlo in ambulanza senza rischiare di farlo cadere sono stati costretti a chiedere aiuto ai pompieri i quali poi lo hanno trasferito al pronto soccorso dell’ospedale di Lavagna.

In un caso del genere lo scenario appare subito “speciale”, occorrono più braccia, inevitabilmente i tempi del soccorso di dilatano, serve molta attenzione e poi ci vogliono ambulanza, sedia, autolettiga in grado di sostenere un peso notevole. E a volte non è sufficiente.

Vigili del Fuoco del Nucleo Speciale Saf (Speleo, Alpino, Fluviale) hanno portato a termine a Bari un soccorso per il trasporto di una donna 60enne, affetta da una grave forma di obesità che l’ha portata a pesare 280 Kg.

Precedentemente i Vigili del Fuoco avevano effettuato un sopralluogo per valutare le modalità d’intervento, giungendo alla conclusione che l’unico modo possibile di trasporto consisteva nel trasportare la donna con l’autoscala esternamente al palazzo. Le operazioni, durate due ore e portate a termine da otto Vigili del Fuoco, sotto lo stretto controllo dei sanitari del 118hanno consentito alla donna di essere trasportata presso un centro a Salerno.

Il video del soccorso della signora di Bari: 

http://www.youtube.com/watch?v=EJZdwg10OM4

I commenti sono chiusi.