Soccorso in Africa. In Malawi Unicef punta su droni e giovani nella lotta all’HIV e per gli aiuti umanitari

Unicef in Malawi. In Africa i droni piacciono e le sue applicazioni in campo civile si stanno moltiplicando, attirando soprattutto l’interesse dei giovani, che si tratti di neoimprenditori, universitari o ricercatori.

MALAWI, L’UNICEF PUNTA MOLTO SULL’USO DEI DRONI

Le nuove generazioni intravedono in questo settore opportunita’ interessanti per il proprio futuro, e questo a sua volta richiama l’interesse dei grandi investitori.

E’ quello che sta accadendo in Malawi, un Paese pioniere nello sviluppo di questi piccoli oggetti volanti: la African Drone and Data Academy (Adda) e’ il primo centro di formazione interamente dedicato alla messa a punto dei droni ed e’ stato inaugurato a inizio anno grazie ai fondi della Virginia Tech in collaborazione con la Malawi University of Science and Technology (Must), con l’obbiettivo di formare ingegneri esperti.

L’istituto e’ inoltre sponsorizzato dall’Unicef, che sui droni ha iniziato a scommettere cinque anni fa: nel 2016 infatti il Fondo Onu ha iniziato ad usarli per trasportare test per l’Hiv.

Un programma di successo, che ha spinto l’organizzazione a lanciare nel 2017 un secondo progetto pilota: la creazione di un corridoio aereo per trasportare aiuti umanitari, in collaborazione con le autorita’ locali e i privati.

Da allora le applicazioni non militari dei droni si sono moltiplicate: dal trasporto di prodotti di base e forniture nelle aree piu’ remote al monitoraggio di parchi e aree protette per il contrasto al bracconaggio.

Questi apparecchi possono inoltre essere usati per compiere studi, rilevazioni e mappature di intere aree geografiche.

PROGETTO UNICEF: CE LO RACCONTA TADALA MAKULUNI, FUNZIONARIA FORESTALE DEL MALAWI

Proprio in questo settore lavora Tadala Makuluni, una funzionaria forestale di 27 anni, che in un post sulla pagina Facebook dell’African Drone and Data Academy ha raccontato: “Prima di entrare all’Adda, mi sono laureato alla Lilongwe University of Agriculture and Natural Resources (Luanar) e ora lavoro per il ministero delle Foreste.

Sono entrata in Adda- ha continuato la studiosa- per imparare come i droni possono essere impiegati nella gestione di aree forestali e in agricoltura”.

Ambiti che, sottolinea Makuluni, “sono fondamentali per l’economia del Malawi, ma al contempo sono stati gravemente colpiti dagli effetti dei cambiamenti climatici”.

PER APPROFONDIRE:

UN PREMIO UNICEF ALL’ARMA AZZURRA, CHE SOCCORRE LE PERSONE IN GRAVI DIFFICOLTA’ IN MARE

UNICEF: UN BAMBINO SU TRE AL MONDO SUBISCE L’AVVELENAMENTO DA PIOMBO

AMREF: LO STOP A COVID-19 IN AFRICA E’ POSSIBILE SE COINVOLGIAMO LE COMUNITA’

ANPAS, UN AIUTO CONCRETO AL SISTEMA 118 IN SENEGAL: DONATE DUE AMBULANZE

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.