Vaccino COVID-19, l'Argentina adotta una strategia mista: siglato accordo anche per Sputnik V

Argentina, vaccino COVID-19: il presidente e il ministro della Salute hanno annunciato la firma del contratto per l’acquisizione del vaccino Sputnik V.

In base al contratto con il Fondo Sovrano della Federazione Russa, in Argentina 10 milioni di persone potranno essere vaccinate contro il COVID-19 tra gennaio e febbraio.

Per avere le dosi per avviare il Piano Operativo di Vaccinazione contro COVID-19, il Presidente della Nazione, Alberto Fernández, e il Ministro della Salute, Ginés González García, hanno annunciato da Casa Rosada la firma del contratto per l’acquisizione del vaccino Sputnik V sviluppato dal Russian National Gamaleya Center for Epidemiology and Microbiology.

Argentina, una interessante strategia mista rispetto al vaccino COVID-19: acquistate dosi da AstraZeneca e Oxford University, COVAX e Russia

“Ieri abbiamo firmato il contratto con il Fondo Sovrano della Federazione Russa, che garantisce la fornitura di vaccini russi per l’Argentina”, ha annunciato il Presidente e ha chiarito che questo è il terzo contratto che il Paese firma: il primo è stato con AstraZeneca e Oxford University, la seconda con COVAX, organizzazione creata dalle Nazioni Unite, e la terza con il Fondo Sovrano della Federazione Russa.

“Il contratto dice che saremo in grado di avere dosi sufficienti per vaccinare 10 milioni di argentini tra gennaio e febbraio”, ha spiegato, aggiungendo che “avremo un primo lotto di circa 600.000 dosi per vaccinare 300.000 persone prima della fine. dell’anno.

A gennaio avremo dosi sufficienti per vaccinare 5 milioni di persone ea febbraio saranno completate le restanti dosi necessarie per poter arrivare alla vaccinazione dei 10 milioni di persone che stiamo progettando ”.

Fernández ha riferito che il contratto ha una preferenza a favore del paese per poter accedere alle dosi necessarie per vaccinare 5 milioni di persone in più durante il mese di marzo, il che significa che “l’Argentina potrebbe avvalersi di tale preferenza durante il mese di gennaio e avere 10 milioni di dosi in più per vaccinare 5 milioni di argentini ”.

Il Presidente ha indicato che queste dosi sono destinate al personale sanitario, a quelli delle Forze Armate e della Sicurezza, agli insegnanti, agli over 60 e alle persone tra i 18 ei 60 anni con malattie prevalenti, che ammontano a circa 13 milioni di persone.

Inoltre, ha annunciato che sabato prossimo i funzionari dell’Amministrazione nazionale dei medicinali, degli alimenti e della tecnologia medica (ANMAT) si recheranno nella Federazione Russa per visitare gli stabilimenti del Centro nazionale Gamaleya, sviluppatore del vaccino Sputnik V e Generium che fa parte del processo produttivo dello stesso.

Durante la visita verrà effettuata la verifica tecnica degli stabilimenti e dei processi di fabbricazione utilizzati nei prodotti.

Il presidente dell’Argentina: il vaccino non risolverà la pandemia da COVID-19

In ogni caso, il presidente ha avvertito che “il vaccino non risolverà la pandemia, la pandemia persiste, è tra noi” quindi “dobbiamo continuare a prenderci cura di noi stessi” perché il virus continua a circolare.

Fernández ha assicurato che i vaccini saranno distribuiti in tutto il paese in proporzione al numero di abitanti di ciascuna giurisdizione.

“Tutti riceveranno ciò che devono ricevere, non lascerei mai l’interno impotente”, ha detto.

A sua volta, il ministro ha evidenziato la sfida logistica che si prospetta sul percorso della “fabbrica al braccio della gente” poiché questi vaccini richiedono temperature di conservazione insolite, quindi la pianificazione del processo è stata sviluppata a lungo con tutte le province.

“Mai nella storia c’è stata una vaccinazione così massiccia ed estesa.

Forniamo 40 milioni di tutti i vaccini all’anno e solo questo sarà di 60 milioni nel primo semestre.

Si tratta di una sfida logistica, operativa, di programmazione e di vaccinazione di per sé di entità sconosciuta ”, ha affermato.

In linea con il messaggio di prevenzione del presidente, il ministro ha chiarito che il problema causato dalla malattia COVID-19 non è stato risolto, e anche “quando il vaccino sarà ai livelli di immunità necessari per ridurre la circolazione del virus, trascorrere diversi mesi.

Quindi, all’inizio ridurremo la mortalità ma non la diffusione del virus “.

Per approfondire:

Parto e COVID-19, qual è il compito delle ostetriche in contesti di preoccupazione e tensione? Alcuni utili consigli dall’Argentina

Fonte dell’articolo:

Sito ufficiale del governo argentino

I commenti sono chiusi.