GUARDIAN, il primo servizio totale che ti salva dal monossido di carbonio

Monossido di carbonio: il nemico invisibile si combatte con Guardian

Il monossido di carbonio è un nemico invisibile e molto pericoloso, ma non tutti sanno come si affronta e in quanto tempo bisogna combatterlo, prima di finire intossicati o – peggio – senza vita. Proprio per questo durante REAS2015 Team Leonardo ha realizzato un evento specifico di formazione su come aumentare la propria sicurezza e quella della squadra di soccorritori che interviene in un luogo dove c’è alta concentrazione di monossido. In un paese dove non c’è un protocollo univoco per le procedure da tenere nella fase di approccio al paziente – o alla stanza in cui si trova – è importante avere strumenti in grado di avvertire i soccorritori della presenza di questo gas inodore e insapore, che da loro un aiuto anche dal punto di vista diagnostico.

“A REAS abbiamo scelto di essere presenti con la formazione sulla sicurezza in presenza di monossido di carbonio – spiega Dario Tarasconi, amministratore di Team Leonardo – perché per il personale del soccorso sanitario è una situazione che si ritrova sempre più spesso, per motivi legati al nostro tessuto sociale e alla situazione che stiamo vivendo sia in Europa che in Italia. Le abitudini e i consumi stanno cambiando e quello delle intossicazioni e delle morti causate dal monossido di carbonio è un problema che tocca per primi gli operatori di ambulanza, spesso chiamati a intervenire da persone lievemente intossicate, che avvertono un malessere generale poco chiaro e poco spiegabile.

“In queste situazioni solo un sensore si può accorgere della presenza del monossido di carbonio – spiega Dario – e la sicurezza di tutta la squadra è legata alla funzionalità di un prodotto che può salvare la vita. Per questo vogliamo spiegare come agisce il monossido e l’importanza che rivestono i relevatori automatici, che non sono più solo uno strumento di protezione collettiva ma anche uno strumento per l’indirizzamento di possibili trattamenti diagnostici relativi al paziente”.

Logo Servizio Guardian_ SocialIl progetto GUARDIAN di Team Leonardo mette a disposizione di tutti i soccorritori una difesa totale dal monossido di carbonio, grazie al rilevatore TANGO TX1, l’unico strumento per monossido di carbonio con doppio sensore e una tecnologia dual sense che è 85 volte più affidabile rispetto agli altri sensori oggi presenti sul mercato. “Non solo in questo dispositivo ci sono 2 sensori – quindi due “nasi” di rilevazione – ma il nostro obiettivo è quello di proteggere i soccorritori, non di vendere un dispositivo. Per questo con il progetto GUARDIAN forniamo il dispositivo protetto da una polizza KASKO integrale, che sostituisce la macchina in caso di rottura. Inoltre la macchina che diamo viene sostituita tutti gli anni con uno strumento nuovo, certificato e calibrato”.

PENSA ALLA SICUREZZA, CONTATTA TEAM LEONARDO!

GUARDIAN ha risolto in parte anche il problema che si ha con i sensori di rilevazione del monossido, cioè la taratura periodica della misura. “Mentre tutti gli altri sensori hanno bisogno di una revisione quotidiana, Tango TX1 necessita solo di una revisione mensile. Questo significa maggiore tranquillità per il soccorritore, anche perché il kit di verifica del sensore è consegnato insieme al prodotto e per ogni passaggio, abbiamo deciso di pubblicare online dei video esplicativi che mostrano come fare mantenzione e come impostare il prodotto”. Un vero e proprio guardiano da agganciare allo zaino o alla cintura della propria divisa, per riconoscere un nemico altamente insidioso e poco conosciuto.

Grazie alla disponibilità di Team Leonardo, pubblichiamo qui le slides del corso di formazione sul monossido di carbonio. Materiale importante per capire meglio come prevenire l’insorgere dei sintomi da intossicazione ed evitare di rischiare la vita.

[document url=”https://www.emergency-live.com/it/wp-content/uploads/2015/10/La-scena-è-sicura-Lintossicazione-da-CO.pdf” width=”600″]

 

2 Commenti
  1. […] Questo episodio – oltre a dimostrare la brillantezza del personale che fa emergenza tutti i giorni – fa capire anche che questo gas (inodore e incolore, con sintomi difficili da individuare senza strumentazioni specifiche) possa essere sconfitto prima che causi danni gravi o permanenti alle vittime dell’intossicazione e ai soccorritori sanitari. Un’esposizione prolungata ad alti tassi di monossido può uccidere i soccorritori nel giro di pochi minuti. (LEGGI CHE COSA E’ IL PROGETTO GUARDIAN) […]

  2. […] di rendere obbligatorio la dotazione agli equipaggi dei mezzi del servizio in emergenza-urgenza di rilevatori per il monossido ed altri gas nocivi. Tali DPI verrebbero istallati a tutela della salute degli equipaggi del […]

I commenti sono chiusi.