Soccorso Alpino, proseguono gli interventi CNSAS di soccorso a persone scivolate sul ghiaccio

CNSAS in soccorso a chi è in difficoltà in montagna: continuano dal nord al sud Italia gli interventi del Soccorso Alpino per soccorrere persone scivolate sul ghiaccio, anche in zone pianeggianti apparentemente sicure

Pericolo ghiaccio, la nota del CNSAS Soccorso Alpino e Speleologico

“Viste le temperature abbondantemente sotto lo zero – fanno sapere dal CNSAS – in diverse località di media montagna, la nostra raccomandazione è di prestare massima attenzione alle condizioni del manto nevoso e valutare se la propria attrezzatura personale e la propria preparazione consentono escursioni su un terreno così insidioso.

Come sempre, da parte nostra, non c’è volontà di spaventare gli amanti della montagna ma di renderli più consapevoli a tutela della loro stessa sicurezza”.

Nella fotografia, gli operatori del Soccorso Alpino e Speleologico Lazio – CNSAS e l’eliambulanza della Regione Lazio intervenuti ieri sul Monte Terminillo per soccorrere un ciaspolatore di 50 anni precipitato per decine di metri dopo essere scivolato su un tratto ghiacciato poco prima del Rifugio Angelo Sebastiani Monte Terminillo.

Per approfondire:

Monte Carevolo, 21enne scivola e cade 300 metri sotto: operazione di recupero CNSAS, Croce Azzurra, C.O. 118 e Vigili del Fuoco

Presolana, tragedia in quota: muoiono marito e moglie, CNSAS Lombardia interviene per salvare gli altri escursionisti

Fonte dell’articolo:

CNSAS Soccorso Alpino

I commenti sono chiusi.