Cibo, indice globale della fame: “In Somalia due milioni in crisi acuta”

Fame, “In Somalia oggi 2,1 milioni di persone vivono in uno stato di crisi alimentare acuta e il 12,2 per cento dei bambini (ossia 849.900) muoiono prima di aver compiuto cinque anni, che corrisponde al valore piu’ alto al mondo in assoluto.

A determinare questa situazione e’ la combinazione di tre grandi minacce: siccita’ prolungate alternate a inondazioni, l’invasione di locuste sempre piu’ aggressive, e le epidemie, quelle di malaria e colera, a cui nel 2020 si e’ aggiunta quella di Covid-19″.

A lanciare l’allarme sul “Paese piu’ fragile del Corno d’Africa” e’ Isabella Garino, capo missione in Somalia e Kenya di Cesvi, fondazione che nel 2020 ha realizzato 122 progetti, prestando assistenza a un milione di persone.

Garino ha presentato i dati contenuti nella quindicesima edizione dell’Indice globale della fame (Global Hunger Index – Ghi 2020) presentato oggi dalla Fondazione Cesvi, che ha curato l’edizione italiana, e realizzato da Welthungerhilfe e Concern Worldwide.

INDICE GLOBALE DELLA FAME, IN SOMALIA ANCHE GUERRE CIVILI ED EPIDEMIE ENDEMICHE

La responsabile ricorda che in Somalia la situazione economica e sanitaria era gia’ fragile da tempo, come lascito di oltre 20 anni di guerra civile e di epidemie endemiche, tra cui malaria e colera.

Secondo Garino, “gia’ 5,2 milioni di persone erano bisognose di assistenza umanitaria prima della pandemia”.

Le attivita’ economiche locali, tra cui agricoltura e allevamento, sono infatti duramente colpite dagli effetti dei cambiamenti climatici.

“Le siccita’ sono sempre piu’ lunghe mentre le inondazioni violente” dice Garino, avvertendo che questi fenomeni “favoriscono il proliferare delle locuste che divorano i raccolti”.

La pandemia di coronavirus ha peggiorato la situazione anche riducendo i commerci, le attivita’ economiche locali e dimezzando le rimesse dall’estero.

“Fino al 2019 si stimava che in media, i somali all’estero inviassero circa 2 miliardi di dollari alle famiglie d’origine, sostenendo circa il 40 per cento della popolazione” dice la responsabile di Cesvi.

“La recessione globale ha colpito anche i somali della diaspora, riducendo le rimesse di circa il 50 per cento e questo, dimezzando la disponibilita’ economica delle famiglie, ha peggiorato la loro possibilita’ di procurarsi cibo”.

Per far fronte a questa situazione, Cesvi in Somalia agisce attraverso programmi rivolti a salute, nutrizione, sicurezza alimentare, resilienza, igiene e accesso all’acqua.

“Il nostro obiettivo – ha sottolineato Garino – e’ migliorare trasversalmente la resilienza delle comunita’ e la capacita’ di reagire agli shock ricorrenti”.

PER APPROFONDIRE:

VACCINAZIONI DI BAMBINI: L’OBIETTIVO OMS IN SOMALIA E’ VACCINARNE 400MILA 

FONTE DELL’ARTICOLO:

AGENZIA DIRE

I commenti sono chiusi.