Complessa operazione di soccorso dopo deragliamento sulle Alpi francesi

Una complessa operazione di soccorso ha permesso di salvare 32 dei 34 occupanti di un trenino turistico deragliato a Saint Benoit sulle Alpi Francesi, vicino Nizza. Purtroppo gli sforzi si sono rivelati vani per due passeggere, una francese l’altra russa, entrambi 70enni, decedute nell’incidente, che si è svolto in una zona a 1.100 metri di altezza, ricoperta di neve e senza strade d’accesso praticabili.

I pompieri, hanno faticato molte ore per estrarre i feriti dalle carrozze, uscite dai binari e rimaste pericolosamente in bilico su un burrone. Solo gli alberi, che hanno attutito la caduta, hanno impedito che il bilancio fosse più tragico. Otto i feriti più gravi per i quali è stato necessario il trasferimento in ospedale con l’elisoccorso; per gli altri solo un grande spavento.

Secondo gli investigatori il trenino sarebbe deragliato dopo essere stato colpito da un masso precipitato dalla montagna sovrastante: la linea chiamata “train des pignes”, nata nel 1911, conta 151 km con 25 tunnel, una trentina di ponti e viadotti lungo il fianco della montagna e trasporta ogni anno quasi 500 mila turisti a una velocità ridotta per permetterre a tutti di ammirare la bellezza del paesaggio.

I commenti sono chiusi.